Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tim Cup: Taranto-Cosenza, le pagelle

Tim Cup: Taranto-Cosenza, le pagelle

Strepitoso Caccavallo, sontuoso De Rose. Danti, un gol che dimostra la crescita di un talento nostrano. Nel Taranto si salvano solo Corona e Innocenti.

cosenza_a_taranto

I calciatori rossoblù prima dell’inizio del match di Coppa Italia

In una calda sera d’estate il Cosenza stellare di Toscano si regala il Grosseto battendo un Taranto che, alla vigilia, doveva quasi fare un sol boccone dei Lupi. Ed invece il Cosenza si è divertito ad umiliare la corazzata di Braglia. Dopo una mezzora di sofferenza la squadra rossoblù è riuscita a raddrizzare il risultato e, complice anche la superiorità numerica, è riuscita a dilagare con Caccavallo e Danti autori di un’ottima prestazione. Gara diligente quella di De Rose che al fianco di Roselli ha lottato su tutti i palloni al cospetto di giocatori di categoria come Quadri e Berretti. Da rivedere il pacchetto arretrato con Porchia a volte disattento (ma protagonista del gol del pareggio con una punizione da incorniciare). Del resto anche Toscano lo ha ribadito. Al momento bisogna lavorare su alcuni meccanismi che ancora la squadra non ha assimilato a dovere soprattutto dietro e a centrocampo.
GABRIELI: voto 6,5. Evita al Taranto di andare sul 2-0 quando, un minuto dopo il vantaggio di Innocenti, devia in angolo una sventola di Berretti. Dimostra di avere un ottimo senso della posizione.
MUSCA: voto 6. Dalle sue parti c’è Innocenti prima e Corona poi. Due clienti scomodi anche se il difensore dimostra di essere alquanto arcigno. Nervoso quando Sciaudone simula in area rossoblù.
DI BARI: voto 6,5. Pratico ed essenziale. Non cerca di strafare e questo è un aspetto importante per un giocatore scaricato proprio dal Taranto e che vuole rilanciarsi in riva al Crati.
PORCHIA: voto 6,5. Brutto errore sul gol di Innocenti. Salta di testa ma calcola male il tempo permettendo a Corona di servire il suo compagno di reparto per il vantaggio dei padroni di casa. Si rifà con gli interessi siglando il gol del pari con uno splendido calcio di punizione.
BERNARDI: voto 7. Un moto perpetuo. Corre per tutta la fascia mettendo in difficoltà il suo dirimpettaio. Punto spesso e volentieri l’uomo e, a differenza di molti, gioca senza palla con inserimenti a volte poco sfruttati.
CHIANELLO: voto 6. Una discreta gara con qualche galoppata in meno rispetto a Bernardi. E’ lui a sacrificarsi di più arretrando per dare una mano ai tre di difesa.
DE ROSE: voto 7. Un’altra gara da incorniciare. Sradica dai piedi degli avversari miriade di palloni. Lavoro sporco per un giocatore che cresce a vista d’occhio.
ROSELLI: voto 6,5. Non si vede molto perché, così come De Rose, deve pensare soprattutto alla fase difensiva. Ma i compiti assegnatigli da Toscano vengono seguiti alla lettera.
CACCAVALLO: voto 8. La dura legge dell’ex. Un peperino capace, palla al piede, di seminare il panico nella difesa avversaria. Il suo pezzo forte? I calci piazzati. Ne tira tre colpendo due pali e segnando un gol.
DANTI: voto 7. Il modulo gli piace. I movimenti sono quelli chiesti da Toscano ma ancora da limare. Il gol è una perla per un giocatore voglioso di mettersi in vetrina.
CECCARELLI: voto 6,5. Si danna l’anima. Troppo solo nel primo tempo. Nella ripresa più volte ha la palla per chiudere definitivamente il match ma non riesce ad essere preciso. Quando va in gol l’arbitro, ingiustamente, gli strozza la gioia in gola.

ALL. TOSCANO: voto 7,5
. La prima mezzora è da rivedere. Poi il Cosenza gioca complice anche un riassetto tattico. Nella ripresa la sua squadra dilaga e lui può seriamente ritenersi soddisfatto. Una vittoria contro una delle outsider del girone B fa ben sperare per il futuro in attesa di un attaccante e un centrocampista.

Subentrati
:

FABIO: voto SV. Troppo poco per essere giudicato.

LA CANNA: voto SV. Troppo poco per essere giudicato.

NASTASI: voto SV. Troppo poco per essere giudicato.

TARANTO
: Bremec 5, Nocentini 4,5, Bolzan 4,5, Quadri 6, Viviani 5,5, Migliaccio 5,5, Lolli 5,5, Berretti 5 (27’st Spinelli 5), Corona 6, Innocenti 6, Sciaudone 5 (46′ Iraci 5). A disp.: Nordi, Giorgino, Strambelli, Khoris, Da Silva. All. Braglia 5,5
ARBITRO: Carbone di Napoli 6,5

Related posts