Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gli ex lupacchiotti tra luci ed ombre

Ecco come è andato l’esordio con le nuove maglie di chi ha contribuito al ritorno del Cosenza in Prima divisione.

roccia_braca

Errico Braca, difensore dell’Andria

Con la giornata di ieri è partita ufficialmente la nuova stagione sportiva 2009-2010. Se per i professionisti è stata la prima di campionato, tra i dilettanti, ieri si è  giocato il primo turno di Coppa Italia. Su e giù per lo stivale, troviamo numerosi ex calciatori del Cosenza molti dei quali hanno contribuito al doppio salto dalla D alla Prima Divisione. Una vera e propria succursale della squadra silana è il Sambiase di mister Aita. Nella formazione neo-promossa tra i dilettanti figurano ben quattro ex rossoblù: Moschella, Morelli, Occhiuzzi e Cosenza. I primi tre hanno preso parte al derby di Coppa Italia contro la Vigor Lamezia e Moschella ha siglato la prima rete dando il la alla vittoria finale (2-1) ai danni dei cugini bianco verdi. Salendo di categoria, in Seconda Divisione, Stefano Ambrosi chiamato a difendere la porta della Cisco Roma, è capitolato dopo solo 2 minuti grazie alla rete del solito Caputo. Il bomber ha regalato così i primi tre punti al nuovo Catanzaro targato Auteri. Stesso esordio negativo per Errico Braca. L’Andria ha perso in casa contro la Ternana (0-1) e l’ex centrale difensivo di Toscano ha rimediato anche un cartellino giallo. Pareggio invece tra Melfi e Brindisi. Tra i pugliesi in evidenza Raffaele Battisti uno degli ultimi a lasciare il Cosenza. In riva al Crati, il centrocampista ha lasciato un buon ricordo e sono tante le persone deluse dopo la sua cessione. Altro debutto sfortunato per Lele Catania ed Enrico Polani. Il Potenza infatti, ha perso 1-0 sul terreno del Giulianova. Partenza in panchina per il bomber romano che è subentrato al 21 s.t. al posto di De Cesare. Sufficienza invece, per Catania che è stato mandato in campo dal primo minuto da mister Capuano.  (Stefano Sicilia)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it