Tutte 728×90
Tutte 728×90

A Taranto D’Addario rileva tutte le quote, Bizzarro vuole lasciare il Marcianise

A Taranto D’Addario rileva tutte le quote, Bizzarro vuole lasciare il Marcianise

Vicende diametralmente opposte per due compagini del nostro girone. Gli ionici puntano ancora con più decisione alla B, mentre i campani sono in difficoltà.

daddario_taranto_presidQUI TARANTO. D’Addario rileva la totalità delle quote, ponendo fine all’anomala diarchia: fuori Blasi. Il suo regno dura cinque anni: in archivio c’è tanta roba, servirà tempo per un bilancio sereno. Ora il Taranto ha un unico proprietario. Comincia l’era di Enzo D’Addario, imprenditore dell’auto (e non solo). Operazione da circa 3 milioni di euro: cifra assolutamente ufficiosa. La ratifica dell’accordo, col passaggio delle quote, è prevista nei prossimi giorni. D’Addario è il «nuovo». E promette la grande svolta. Cambierà molto.
QUI MARCIANISE. Piena crisi per il Real Marcianise. A Reggio Emilia la squadra di Ammirata incassa il terzo ko di fila in campionato, nonché quarto considerando l’eliminazione al primo turno dalla Coppa Italia ad opera dell’Alessandria. Insomma in quello che doveva essere l’anno della consacrazione, il Real ha toccato il punto più basso della gestione Bizzarro. Niente gioco, squadra ben lontana dal poter considerarsi competitiva e un’evidente e preoccupante spaccatura tra tifoseria e società. Dopo la contestazione del pubblico gialloverde in occasione del ko con il Portogruaro, questa vicenda si arricchisce di un altro capitolo. Proprio in occasione della gara del ‘Pinto’ i tifosi gialloverdi avevano preso posto sugli spalti con evidente ritardo per protestare contro il prezzo dei biglietti imposto dalla società. 15 euro, prezzo unico per assistere alla gara contro i veneti. Striscioni capovolti e nessun coro. Questo fu il modo per manifestare il proprio malcontento. Ebbene in occasione della trasferta di Reggio Emilia il gruppo ‘Stirpe Marcianisana’ ha voluto manifestare ancora una volta il proprio pensiero a riguardo esponendo lo striscione: “600 Km per una passione, 15 euro per distruggerla”. Un messaggio che non è andato certo giù al presidente Bizzarro che ha raggiunto il settore ospite innescando un’accesa discussione con i tifosi presenti. Nella serata l’amaro commento del patron e ancora una minaccia di addio. Questa vicenda non finirà certo qui, visto che la ‘Stirpe’ sembra intenzionata ad andare avanti…  (co. ch.)

Related posts