Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mortelliti aspetta il suo turno: “Soffro a stare in panchina ma lavorerò sodo”

Il fantasista messinese è un esempio di umilità: “Siamo un gruppo formato da trenta calciatori, gioca chi dà il cento per cento. Io pago lo scotto del problema accusato in ritiro”.

mortelliti2

Mortelliti durante uno scampolo di partita

Sarebbe titolare ovunque, ma non a Cosenza. “In gruppo siamo in trenta, mica Toscano può aspettare che Mortelliti stia bene. E’ giusto che in campo vada chi dà il centodieci per cento durante la settimana. Se la nostra squadra gira a mille è perché tutti sanno che devono fare gli straordinari per guadagnarsi un posto da titolare la domenica pomeriggio”. Il fantasista nato a Messina trentuno anni fa, poi parla del proprio stato d’animo. “E’ normale che soffra a stare in panchina, ma purtroppo pago lo scotto di avere subito un guaio muscolare in ritiro. Farsi male durante la preparazione è altra cosa che andare ko in corso d’opera. Ora sto bene e aspetto il mio turno. Il mio  compito è quello di conquistare una maglia durante le sedute al Sanvitino. Una volta in partita, poi, dimostrare che nonostante sia stato fuori a lungo ho saputo stringere i denti e lavorare sodo”. Mortelliti però non si nasconde. “I miei compagni stanno disputando un torneo fantastico e se non siamo a punteggio pieno è solo colpa della sfortuna. Guardando un po’ di partite mi sono reso conto che siamo davvero forti e che il Cosenza a fine campionato saremo lassù”. (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it