Tutte 728×90
Tutte 728×90

In allenamento Olivieri e Caccavallo a giostrare da numeri dieci

In allenamento Olivieri e Caccavallo a giostrare da numeri dieci

Toscano ha provato per tutto il tempo il 4-3-1-2. Fiore ha lavorato in piscina, Musca e Maggiolini esterni bassi di difesa, Porchia e Fanucci marcatori.

rifinitura_sanvitino

Mimmo Toscano prova il nuovo modulo

Doppia seduta di allenamento, questo pomeriggio per i ragazzi di Mimmo Toscano sul manto erboso del Sanvitino. Il gruppo si è ritrovato in mattinata ed ha effettuato un allenamento basato principalmente sulla parte fisica con delle esercitazioni sulla resistenza alla velocità. Nel pomeriggio, invece, la squadra ha svolto delle esercitazioni tecnico-tattiche per reparto. Da un lato hanno lavorato difensori e centrocampisti centrali insieme a Michele Napoli provando alcune situazioni di gioco. Dall’altra, invece, mister Toscano ha provato la fase offensiva insieme a centrocampisti esterni  ed attaccanti. Per finire il tecnico rossoblù ha fatto disputare una partitella ai suoi uomini testando per tutto il tempo il 4-3-1-2 inserendo in difesa Fanucci e Porchia al centro e Musca e Maggiolini sugli esterni. Mentre come trequartista sono stati utilizzati a turno Olivieri e Caccavallo. Dall’allenamento odierno si è potuto capire come mister Toscano sia orientato, per la sfida contro la Reggiana, ad abbandonare il 3-4-3 ed utilizzare il 4-3-1-2. Non hanno partecipato alla doppia seduta Fiore, Piro e Nastasi. Il centrocampista della nazionale ha lavorato in piscina ed, a questo punto, molto difficilmente riuscirà a recuperare per domenica. Nastasi ha lavorato a parte presso il nuovo centro del dottor Canonaco per un fastidio al ginocchio destro. Piro, invece, è rimasto anche oggi a riposo per una contrattura rimediata sabato scorso nella gara con la Berretti. I rossoblù si ritroveranno domani pomeriggio alle 15 presso la struttura Azzurra di Rende per disputare la consueta partitella in famiglia in vista della gara di domenica prossima a Reggio Emilia contro la formazione locale. (Antonello Greco) 
 

Related posts