Tutte 728×90
Tutte 728×90

Serie A1 m. Tonno Callipo contro un Loreto a caccia di punti-salvezza

TONNO CALLIPO VIBO – ESSETI LORETO: 3-2 (36-34, 21-25, 25-22, 23-25, 15-11)
Vibo: Gonzales, Simeonov, Contreras, Andrae, Tencati, Moltò, Barone, Cicola (L), Corvetta, Saraceni, Marquez, Cannistrà, Ferraro (L2). All.: Jon Uriarte
Loreto: Visentin, Van Dijk, Digao, Diachkov, Cester, Shumov, Paoli, Marra (L), Marzola, Vigilante, Dolfo, Belcecchi. All.: Luca Moretti
Arbitri: Giampiero Perri di Roma e Roberto Boris di Milano

(di Sergio Lionetti)

Vibo Valentia. Mancano trenta minuti al fischio d’inizio di questa settima giornata del campionato di serie A1  maschile di pallavolo e le squadre sono in pieno riscaldamento.
Pubblico abbastanza numeroso, nonostante la partita non sia “di cartello” e nonostante la concorrenza televisiva della Champions League di calcio.
Diverso l’approccio alla gara da parte delle due squadre: per i padroni di casa, c’è la voglia di tornare alla vittoria, dopo le sconfitte recenti e dopo le gare non brillanti che  hanno scontentato i tifosi e la dirigenza; per Loreto, invece, è importante tornare a fare punti: la squadra lotta dichiaratamente per raggiungere una salvezza tranquilla ed uscire con dei punti da questo campo sarebbe una grande iniezione di morale.
La squadra è giovane e gli alti e bassi di queste prime giornate dimostrano che i ragazzi allenati da Luca Moretti possono dare fastidio a tutti, a patto che riescano a giocare con la dovuta tranquillità e senza farsi prendere da una strana “paiura di vincere”.
Seguiremo la gara direttamente da bordo campo, aggiornandovi sui punteggi.

Vibo: Gonzales il regia, con Marquez opposto; Contreras e Andrae di banda; Tencati e Barone al centro, con Cicola Libero Loreto: Visentin in palleggio, Van Dijk opposto, Digao e Diachkov i ricettori, Shumov e Cester al centro, Marra libero

1° set:
8-6 Loreto al primo time out tecnico, poi break Vibo:; 8-8 e controbreak: 14-10 Loreto
16-14, ancora avanti i marchigiani al secondo time out tecnico
Il set procede a scossoni: avanti Loreto, poi Vibo si rimette in pari, utilizzando sempre il turno di battuta di Gonzales, che i marchigiani sembrano soffrire troppo.
Dopo una lunga maratona, è proprio il campione cubano a nettere a segno il muro vincente, su Digao.

2° set:

Vibo avanti 8-5, con Loreto che accusa il “colpo” del primo set perso ai vantaggi.
16-15 per i calabresi al secondo stop. Molti errori da entrambe le parti.
Esce per infortunio Diachkov (migliore dei suoi, finora) nelle file di Loreto.
Si ripete l’andamento del primo set, ma il vantaggio degli ospiti sale fino a 4 punti (24-20), senza che il talento di Gonzales, stavolta, riesca a dare ai ragazzi della Callipo quel “quid” in più per l’aggancio.
Finisce 25-21 per Loreto, in 29 minuti.

3° set:
8-6 per Loreto

Cambi importanti per Vibo: Saraceni per Marquez, con Contreras che si sposta da opposto,  e poi Corvetta per Gonzales
16-13 per Loreto il secondo time out tecnico, ma poi, dal 17 in poi, la partita va punto a punto per un po’.
A questo punto, anche per gli errori di Van Dijk da una parte e per merito degli attacchi di Contreras (7  su 11) e la regia di Corvetta dall’altra, il Vibo si stacca e vince il parziale: 25-22 in 27 minuti.
4° set:
Avanti Loreto : 8-4
Ancora sotto il Tonno callipo: 11-16, con molti errori in attacco e il muro di :Loreto che sta funzionando.
I marchigiani sempre avanti, ma Vibo (anche con il ritorno in campo di Gonzales) arrivano all’aggancio e passano avanti sul 20-19.
A quel punto reagisce Loreto, che si riporta in vantaggio (23.22) e poi riesce a mantenere quel piccolo margine che fa arrivare al 25-23, grazie ad un muro dell’ottimo Shumov (ottavo muro, finora)

5° set:
8-7 Loreto al cambio campo
Poi punto a punto fino al 10 pari. Era il momento di Contreras, che con 7 attacchi vincenti su 8 trascinava i suoi verso la vittoria del set e della partita.
I migliori: Corvetta e Contreras fra i calabresi, Shomov ed il libero marra fra i marchigiani.
Entrambe le squadre raggiungono l’obiettivo minimo che forse si erano prefisse: il Vibo aver l’obbligo ti tornare a vincere, il Loreto, dal canto suo, aveva la necessità di tornare con almeno un punto dalla sua trasferta più lontana dal punto di vista geografico.

Related posts