Tutte 728×90
Tutte 728×90

LP1/B: i commenti della decima giornata

LP1/B: i commenti della decima giornata

Il Pescara è in testa. Cuccureddu gongola: “Ci serviva una vittoria in trasferta”. Finale thrilling a Taranto e Capuano attacco: “Forse hanno deciso di far retrocedere il Potenza”.

tozzi_borsoi

La Ternana fa festa con Tozzi Borsoi (doppietta contro il Rimini)

Giornata di veleni quella trascorsa nel girone C di Prima Divisione. Ad iniziare da Taranto dove il Potenza ha sfiorato il colpaccio. Il tecnico lucano, Capuano, non ha avuto parole dolci per il fischietto di turno definendo la direzione arbitrale “vergognosa”. Ma è stata anche la giornata delle sorprese. Il Foggia ringrazia uno strepitoso Salgado (autore di una tripletta) che dopo la pesante squalifica è rientrato a sun di gol contribuendo ad una vittoria pesante. Domenica di festa anche per il Pescara che si gode la vetta solitaria della classifica in attesa del posticipo di questa sera (ore 20,30) tra Verona e Pescina al “Bentegodi”. Questi tutti i commenti alla fine delle gare.
LANCIANO-ANDRIA (2-2). I sogni del Lanciano si infrangono dinanzi alla giornata di grazia del centrocampista Ottobre che regala all’Andria un pari che permette al club pugliese di dare seguito, anche se con un punto, al successo di sette giorni fa contro il Portogruaro. Proprio Ottobre, a fine gara, commenta. “Una doppietta non capita di farla tutte le domeniche. Sono felice che i gol abbiano contributo quantomeno ad un pari che reputo giusto per quanto visto in campo”. Di parere opposto il tecnico del Lanciano, Pagliari. “Allunghiamo la striscia positiva anche se con un pareggio che non ci soddisfa visto che, per ben due volte, siamo passati in vantaggio”.
RAVENNA-GIULIANOVA (2-0). Un gol per tempo ed il Ravenna sorride, conquistando la quinta posizione in classifica. Raggiante Ciuffettelli, autore della rete che ha sbloccato la gara. “Sono contento per il gol ma soprattutto per come la squadra ha giocato. Questi tre punti ci consentono di fare un bel passo in avanti”. Al Giulianova, invece, non sono bastate le prodezze dell’estremo difensore Dazzi (grande parata sul rigore di Ciuffettelli che ha ribadito in rete sulla respinta del portiere abruzzese). A fine gara il tecnico Bitetto commenta. “Dispiace che il risultato ci penalizzi in questo modo. Credo che il Giulianova abbia giocato una buona gara e che gli episodi non ci abbiano certo favoriti. Dobbiamo fare tesoro di certe situazioni per cercare di guadagnare da subito punti utili alla salvezza”.
TARANTO-POTENZA (2-2). Un gol di Correa allo scadere regala un pari insperato al Taranto (che in casa non riesce più a vincere) e manda su tutte le furie il tecnico del Potenza, Ezio Capuano. “Vergognosa la direzione arbitrale. Sul gol di Mezavilla erano almeno due i giocatori in fuorigioco. E sul pareggio finale la posizione di Corona, in netto fuorigioco, influisce sul gol di Correa. Forse hanno deciso di far retrocedere il Potenza”. Di parere opposto il tecnico Brucato. “Abbiamo avuto diverse occasioni per passare in vantaggio ma la sfortuna e l’imprecisione non ci hanno permesso di segnare. Poi, gli avversari ci hanno punito in quelle poche occasioni che hanno avuto. Alla fine, però, il pari conquistato in extremis dimostra che questo Taranto non molla mai”.
TERNANA-RIMINI (3-0). E’ stata la domenica dell’attaccante Tozzi Borsoi (tre reti per lui in campionato). Una sua doppietta ed un gol di Perney hanno regalato tre punti che consentono agli umbri di restare incollati alle zone alte. Raggiante Baldassarri, tecnico rossoverde, a fine gara. “Siamo stati bravi a saper contenere il Rimini che veniva da risultati importanti. Abbiamo giocato una gara saggia e, quando abbiamo deciso di accelerare, abbiamo fatto male”. Di parere opposto Melotti. “Dispiace non essere riusciti a portare via punti al cospetto di una buona Ternana. E’ mancata alla mia squadra la brillantezza delle domeniche passate”.
PORTOGRUARO-CAVESE (0-0). Non punge la squadra di Calori e la Cavese di Maurizi porta a casa un punto che fa morale. Il portogruaro non sa più vincere e lascia la vetta dopo dieci giornate di campionato. Calori, però, non ne fa un dramma. “Dispiace non essere primi ma purtroppo sapevamo che non sarebbe stato facile restare incollati al primo posto. Il nostro compito è pensare a far bene domenica dopo domenica evitando di fare voli pindarici”. Maurizi, invece, plaude all’operato dei suoi. “La Cavese sta giocando un buon calcio e, anche oggi, abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti. Non era facile venire qui a Venezia contro il Portogruaro e giocarsela alla pari contro una delle formazioni più in forma di questo inizio di torneo”.
REGGIANA-FOGGIA (3-4). “Salgano Show” a Reggio Emiliano. L’attaccante con una tripletta annienta la Reggiana e rianima un Foggia che sembrava destinato a recitare un ruolo di secondo ordine in questo torneo. L’attaccante entusiasta. “E’ stata una giornata che difficilmente dimenticherò. Specialmente in gol in rovesciata. Sono contento di essere rientrato ed aver contribuito alla vittoria doopo un periodo negativo coinciso con le tre giornate di squalifica dopo l’espulsione rimediata qualche settimana fa”. Per i padroni di casa una sconfitta che brucia soprattutto per il finale dove, in più occasioni, per poco non si è sfiorato il pari. “Dispiace aver perso – sottolinea il tecnico Domissini – ma le disattenzioni si pagano a caro prezzo. La reazione della squadra c’è stata. Ma quando le cose, a volte, devono andare in un modo c’è ben poco da fare”.
SPAL-PESCARA (0-1). Vittoria e primato. E che vittoria. La prima in trasferta di questa stagione per il Pescara targato Cuccureddu. E proprio l’allenatore biancoazzurro, a fine gara, precisa. “Sapevamo che dovevamo conquistare punti pesanti in trasferta per trovare un primato che, almeno stando a questo inizio di torneo, ci premia in maniera giusta. Noto nei ragazzi una voglia di vincere che mi fa ben sperare per il futuro”. Per Dolcetti, invece, quella contro il Pescara potrebbe essere l’ultima da allenatore della Spal. “Purtroppo c’è poco da fare. Ci sta girando tutto storto”.
VERONA-PESCINA (questa sera ore 20,30). Vincere per rimanere agganciati alla vetta. Questa l’intenzione del Verona che ospite (posticipo serale di questa sera con calcio d’inizio alle ore 20,30) il Pescina. Intanto, la società scaligera a seguito delle sanzioni ricevute chiede collaborazione a tutti i tifosi gialloblù. Il riferimento della dirigenza è ai cori o scritte razziste che possono ledere l’immagine e possono compromettere lo splendido campionato che finora sta disputando la squadra di Remondina. (Gianpaolo D’Elia/Antonello Greco)

Related posts