Tutte 728×90
Tutte 728×90

Acsi, il primo posto è già un affare a tre

Acsi, il primo posto è già un affare a tre

La Sogefil supera anche Rlb, cala il pokerissimo e sale a quota 15 (ha una gara in meno). Un gradino più sopra ci sono Quattro Stagioni e Frangella Costruzioni. Brutto ko per El Mojito.

de_ciccodifensore_della_caf_che_provera_a_fermare_la_bam

De Cicco, difensore della Caf che proverà a fermare la Bam

La sesta giornata del campionato ACSI, conclusa dal posticipo di ieri sera, passa agli archivi con poche sorprese,eccezion fatta per l’ennesimo tonfo della Supergomma, detentrice del titolo. La Quattro Stagioni batte la Sproviere Pronto Service per 3-1. Il risultato finale matura già nella prima frazione grazie a Cianflone, autore di una doppietta, che annulla il pari avversario messo a segno da De Vito. La squadra di Mirabelli, nonostante la sconfitta,ha dominato sul piano del gioco stazionando per quasi tutti gli ottanta minuti nella metà campo avversaria e può recriminare per tante occasioni fallite, per una traversa di Nazareno Trozzo e per un calcio di rigore fallito nei minuti finali da Costabile. La formazione di Calabria continua nel suo magico inizio di stagione nonostante la rosa ridotta all’osso. La Bulldog “sbrana” la Supergomma rifilandole un perentorio 4-1 che manda in crisi ufficialmente il team di Rossi. La rete del momentaneo pareggio di Pulicicchio è solo un raggio di sole nella grigia prestazione dei campioni in carica. La formazione di Orrico è lontana parente della squadra spettacolare ed organizzata delle scorse edizioni e delle prime giornate di campionato. Per la matricola Bulldog, oltre ad una vittoria prestigiosa, arrivano tre punti che la portano in zone più tranquille di graduatoria. L’Euroedil centra il terzo risultato utile consecutivo (sette punti nelle ultime tre) battendo la Pagliuso Grandi Impianti per 1-0. La gara è stata decisa dall’acuto di Biagio Lecce, giovane punta brevilinea sempre pericolosa in area di rigore. Gli uomini di Nervino per l’ennesima volta escono dal campo con i complimenti per l’organizzazione di gioco, ma senza punti in cascina: un copione ormai già visto troppe volte. La Frangella Costruzioni non centra la sesta vittoria su altrettante partite e viene fermata dalla Mare Blu sull’1-1. Passa in vantaggio il team di Castiglione con un rigore di Bruno, pareggia la squadra di Pagliaro con un calcio di punizione dai 25 metri di Quintino Vallone, al primo gol stagionale. La Frangella può recriminare per molte nitide palle gol sprecate dai suoi avanti, ma la Mare Blu con la solita grinta e sagacia tattica strappa un altro risultato positivo dopo la vittoria sulla Rlb della scorsa settimana. La Suzuki batte l’Infotel per 3-0. Il match è stato condizionato dall’espulsione dopo dieci minuti dell’estremo difensore dell’Infotel che ha disputato i restanti settanta minuti con un giocatore di movimento a difendere i pali. Nonostante questo deficit, è la squadra di Angotti a giocare meglio e sfiorare il vantaggio varie volte, ma  l’imprecisione degli attaccanti ed i legni (ben due pali), negano il meritato vantaggio alla matricola che deve soccombere poi alle  reti di Casciaro, Politano e Orlando. Al termine del match molto nervosismo tra le fila dell’Infotel che non giustifica però il comportamento deprorevole di alcuni componenti di questo team nel campo e fuori: le sconfitte,s eppur giunte dopo ottime prestazioni, vanno accettate nel migliore dei modi, soprattutto se si gioca in un campionato amatoriale dove prima del risultato è soprattutto importante dare un esempio positivo e tenere un comportamento corretto. Il Vicoletto batte El Moijto per 3-0 rilanciandosi definitivamente in classifica dopo il brutto inizio di campionato. Le reti dei diavoli rossi di mister Vallo portano la firma di De Luca, Frontino e Meandro, uno dei migliori mediani del circuito. Per la squadra di Tarditi una sconfitta sulla quale non bisogna fare drammi, ma ripartire sulle ottime prestazioni che avevano preceduto questa giornata. La Rlb viene sconfitta per 1-0 dalla So.Ge.Fil che conquista il quinto successo in cinque partite. La gara è stata noiosa, con una sola occasione per parte: Figliuzzi della Rlb su azione di angolo ha colpito di testa sfiorando di pochi millimetri la rete, mentre Spione della squadra di Caputo, a tu per tu con Covelli, seppur da posizione angolata, ha fallito una ghiotta occasione. A decidere il match, un rigore a venti minuti dal termine trasformato da Gervasi che ha regalato tre punti ai suoi in un match dove il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, con i radiofonici che, nonostante le assenze, si sono resi protagonisti di una prova gagliarda contro i piu’ quotati avversari.   (Kevin Marulla)

Related posts