Tutte 728×90
Tutte 728×90

Maggiolini: “C’è bisogno di essere cinici in attacco e pratici in difesa”

Maggiolini: “C’è bisogno di essere cinici in attacco e pratici in difesa”

L’esterno sinistro analizza così l’incontro: “Ogni volta che sciupavamo occasioni da rete, il Ravenna ripartiva e faceva gol”. E poi precisa: “Dobbiamo migliorare in tutti i reparti”.

maggiolini_in_contrasto_volante

Tiziano Maggiolini (29) in azione

Tredici minuti di follia a Ravenna. E’ il titolo del film andando in onda al “Benelli” di Ravenna. Un black-out completo ha caratterizzato la gara del Cosenza. Hanno fatto tutto i silani. Ad iniziare dal rigore sbagliato da Biancolino al quarto d’ora. Un errore che ha inciso in maniera determinante sul risultato finale. A fine gara questo il commento alla gara odierna del terzino sinistro rossoblù Tiziano Maria Maggiolini (29). “Gara strana che ci ha visti protagonisti nel bene e nel male. Abbiamo permesso al Ravenna di sfruttare le proprie qualità. Sapevamo che avremmo sofferto sui calci piazzati. Poi, hanno Sciaccaluga che è bravo a calciare. Certo, è stata una giornata molto strana. Ogni volta che sciupavamo occasioni da rete, il Ravenna ripartiva e faceva gol. Anche se voglio precisare che su uno dei due gol c’era un fallo clamoroso. I centrimetri, il mestiere dei loro attaccanti e l’arbitro che ha soprasseduto sono state le cause dei gol presi. Credo che questa partita poteva finire in maniera diversa”. Per Maggiolini questa sconfitta non ha nulla a che vedere con quella di Reggio Emilia. “Quella è stata l’unica partita fino ad ora sbagliata in tutto e per tutto. A Rimini eravamo in dieci ed abbiamo ugualmente cercato di tenere testa ai biancorossi. Poi oggi è stata un’altra giornata sfortunata. Purtroppo guardando solo i risultati è difficile dire come maturano le sconfitte. Bisognerebbe rivedere le partite per commentarle”. Chiusura dedicata a cosa il Cosenza dovrà migliorare per farsi trovare pronto alla ripresa del campionato. “Dobbiamo migliorare in tutti i reparti. Essere cinici davanti e pratici dietro”. (Gianpaolo D’Elia)

Related posts