Tutte 728×90
Tutte 728×90

Potenzagate: tremano dieci squadre

Potenzagate: tremano dieci squadre

Postiglione, presidente del Potenza, resta in carcere. A deciderlo il Tribunale del Riesame. Intanto le carte arrivano a Palazzi e a tremare sono in tanti.

palazzi

Il procuratore della Figc, Palazzi

Nessuno ne parlava più. Come se, per l’ennesima volta, tutto fosse finito nel dimenticatoio. E invece ci ha pensato il Tribunale del Riesame a puntare nuovamente i riflettori sul “Potenzagate”. Respinta la richiesta di scarcerazione degli avvocato di Giuseppe Postiglione, il patron del Potenza, arrestato il 23 novembre scorso insieme ad altre otto persone (per altre cinque di queste il Tribunale ha respinto le richieste di scarcerazione) nell’ambito di un’inchiesta su un’associazione a delinquere finalizzata alle scommesse illecite ed altri reati. La notizia è stata riportata questa mattina dal Corriere dello Sport. Gli indagati possono ora impugnare la sentenza (in Appello o Cassazione). Martedì è prevista l’udienza del Tribunale del Riesame per quanto riguarda il diesse della Pro Vasto, Luca Evangelisti, che è agli arresti domiciliari. Intanto il procuratore della Figc, Stefano Palazzi, è pronto a studiare in maniera dettagliata le tremila pagina di un’inchiesta partita dalla primavera scorsa con Potenza-Salernitana (gara su cui, al momento, sono focalizzate le attenzioni degli investigatori). Restano da capire i tempi necessari alla giustizia sportiva per fare luce su questa vicenda. Intanto, proprio il CorSport, parla di dieci società a rischio. Due si conoscono già: Potenza e Salernitana. E le altre otto? Il maxiprocesso potrebbe tenersi nella prossima primavera o in estate. Molto dipenderà dagli interrogatori e da come si svilupperà l’inchiesta che contempla anche partite della scorsa stagione. Di sicuro, se le decisioni verranno prese in primavera, sarà la giustizia sportiva a decretare le classifiche finali e non il campo. (co.ch.)

Related posts