Tutte 728×90
Tutte 728×90

Toscano: “Qualcuno ha peccato di superficialità”

Toscano: “Qualcuno ha peccato di superficialità”

Il tecnico spiega: “Il nostro è un problema di mentalità. Eravamo in vantaggio e bastava solo controllare la gara senza avere paura. Mercato? No comment”.

toscano2

Mimmo Toscano è molto amareggiato

La sconfitta subita ieri dal Cosenza allo Iacovone brucia ancora ma la notte ha portato consiglio a Mimmo Toscano che nella conferenza stampa appena terminata al San Vito ha analizzato la sconfitta maturata contro il team di Brucato. Il tecnico rossoblù è visibilmente amareggiato: “Non riesco a darmi una spiegazione. Ribadisco che i miei ragazzi hanno un grosso blocco mentale, perché è impensabile andare negli spogliatoi in vantaggio con un primo tempo dominato e tornare in campo impauriti contro una squadra che si è affidata solo ai lanci lunghi. I ragazzi sono arrabbiati e dobbiamo lavorare perché dopo Rimini e Ravenna siamo di nuovo qui a parlare di una squadra che non riesce a portare gli episodi positivi dalla propria parte”. In vantaggio di una rete, forse il Cosenza avrebbe potuto anche cambiare qualcosa. Toscano spiega: “Ad un certo punto della partita ho pensato ad inserire un centrocampista per creare gioco e tenere alta la squadra. Avevo a disposizione Giardina ma non ha le caratteristiche che cercavo. Avrei avuto bisogno di Roselli ma ribadisco che il problema non è il singolo calciatore ma la mentalità di una squadra che pecca di personalità. E’ evidente che quando annichilisci gli avversari devi ritornare in campo senza paura, dando l’impressione di avere in pugno la partita. Noi ci siamo preoccupati delle loro punte, non le abbiamo tenute alte permettendogli di creare nella nostra area quel caos che gli ha permesso di sfruttare i nostri errori. Dovevamo controllarli meglio ma ora dobbiamo pensare al prossimo match, alla formazione da schierare e soprattutto a lavorare bene per trovare la giusta mentalità”. Biancolino ieri ha fallito il secondo rigore stagionale ed ha ricevuto dall’arbitro un pesante cartellino rosso che gli costerà quattro giornate. Questo il Toscano pensiero: “Raffaele dopo aver fallito il penalty è entrato nello spogliatoio arrabbiatissimo e quell’episodio lo ha indubbiamente condizionato. L’attaccamento alla maglia è chiaro che va bene ma non capisco proprio perché pagare i nervosismi quando resti in vantaggio e puoi tranquillamente gestire la gara. Gli errori ci possono stare ma non bisogna essere superficiali nell’affrontare le partite e qualcuno ieri non ha avuto la giusta attenzione e l’intensità che serviva per portare a casa il match”. Tutto fa pensare che qualcosa cambierà alla riapertura del mercato di Gennaio ma Toscano non vuole sentir parlare di acquisti. Il mister spende però una parola a commento delle dichiarazioni di Fiore, rammaricato per i punti persi e di Mirabelli che ha tuonato contro il gruppo dicendo che i giocatori hanno perso una partita da “polli”. “Sono d’accordo con Fiore quando dice che rischiamo di mangiarci le mani, anzi penso che già ce le stiamo mangiando perché saremmo potuti arrivare allo scontro con il Verona a pari punti. Sulle parole di Mirabelli dico che lo sfogo può anche starci perché siamo stati molto ingenui. Ora guardiamo avanti, il calendario per noi è favorevole e sarà fondamentale correggere i nostri errori”.   (Francesco Palermo)

 

Related posts