Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mercato. Chianello, “Se troveremo elementi utili saremo attenti e vigili”

Mercato. Chianello, “Se troveremo elementi utili saremo attenti e vigili”

L’amministratore delegato usa il condizionale quando si parla di possibili acquisti. E poi precisa: “La priorità è sfoltire la rosa. Trenta giocatori sono troppi”.

ad_pino_chianello_foto_mannarino

L’ad del Cosenza, Pino Chianello

Il Cosenza è sul mercato con una priorità: vendere. Trenta giocatori in rosa sono troppi e alcuni (circa dieci) sono con le valigie in mano. Il Cosenza sembra essere stato chiaro con i futuri partenti. Non rientrano nei piani. E allora, stretta di mano ed un arrivederci. Chiaro l’amministratore delegato Pino Chianello. “Il punto fermo dal quale non si può prescindere è il seguente: trenta giocatori sono troppi – ha confermato l’ad nei giorni scorsi su Gazzetta del Sud -. Fatta questa premessa saremo vigili e attivi sul mercato qualora ci siano elementi che faranno al caso nostro”. Capitolo Toscano. L’allenatore ed il suo staff, per la prima volta in due anni e mezzo, hanno ricevuto un regalo di Natale unico. Il rinnovo, infatti, è sempre stato deciso alla fine di ogni stagione. Quest’anno la decisione è arrivata con largo anticipo. “Credo che Toscano e tutto lo staff tecnico se lo siano meritati. Il tecnico reggino ha dimostrato, semmai ce ne fosse stato bisogno, che è un lavoratore come pochi. E poi – sottolinea Chianello – è un tecnico capace di valorizzare al meglio i giovani calciatori. Basta vedere quello che è riuscito a fare in questi anni di sua gestione”. Chiusura dedicata al campionato. Dall’amarezza, e tanta, del girone d’andata (troppi punti lasciati per strada) la speranza è di ritrovare un Cosenza più incisivo nel 2010. “E’ l’augurio di tutti. C’è da dire, però, che da matricola stiamo facendo bene. Certo, in trasferta sono stati commessi troppi errori e la speranza è che nel prosieguo si riesca a cambiare il trend. Occorre accelerare per centrare un obiettivo importante. La squadra possiede mezzi e possibilità per poterlo fare”. (Gianpaolo D’Elia)  

Related posts