Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mercato: Cosenza, il nome di Marazzina ennesima bufala?

Mercato: Cosenza, il nome di Marazzina ennesima bufala?

Dopo Simone Inzaghi, anche l’attaccante del Bologna viene accostato alla squadra di Mimmo Toscano. E il CorSport insiste su Pellicori: Mirabelli questa volta può riportare il cosentino in maglia rossoblù.

marazzina

L’attaccante Massimo Marazzina (35)

Di questo passo si finirà per scrivere: Aristoteles della Longobarda interessa al Cosenza. Si è partiti a spararle grosse già quest’estate con il bomber Gionatha Spinesi (33) che si pensava fosse ad un passo dalla firma con il club silano. Poi non se ne fece nulla e non si è mai capito se la trattativa fosse veritiera o totalmente inventata. La bufala più clamorosa è stata, senza dubbio, quella del Corriere dello sport che accostava il nome di Simone Inzaghi (33) al Cosenza calcio. L’ex  compagno di Alessia Marcuzzi sarebbe stato contattato, secondo i racconti dei quotidiani sportivi, finanche dall’amico Stefano Fiore con una telefonata. Telefonata che forse c’è stata ma solo per gli auguri al neo papà cosentino per la nascita della piccola Cloe. Adesso per l’attacco di Mimmo Toscano – dalle colonne della Gazzetta del Sud – spunta invece il nome di Massimo Marazzina (35) in forza al Bologna in serie A.  Sembrerebbe un’altra bufala, anche perché al momento per quanto riguarda l’attacco l’unica pista realmente praticabile sembra quella che porta a Fabio Bazzani (33) della Spal. Senza dimenticare che, nella conferenza stampa di fine anno, il diggì Mirabelli ha completamente escluso l’arrivo di un’attaccante.
PELLICORI. Secondo il Corriere dello Sport il Cosenza starebbe “riannodando i fili” con l’attaccante che in Inghilterra, nel QPR, sta facendo tanta tribuna non avendo mai convinto staff tecnico oltre che tifoseria. Questa farebbe propendere la società a darlo in prestito. E, qualora dovesse fare le valigie, sembra proprio che Pellicori sappia dove andare. Del resto sarebbe un modo per farsi perdonare quel “no” rifilato al diggì Mirabelli l’estate scorsa. (Daniele Mari)

Related posts