Tutte 728×90
Tutte 728×90

Toscano: “Con il cambio del modulo siamo più compatti”

Toscano: “Con il cambio del modulo siamo più compatti”

Il tecnico analizza il mal di trasferta: “Non si tratta di un aspetto solo psicologico ma credo anche tattico. Con due centrocampisti dietro Fiore la squadra è più compatta”. E sul Pescina afferma: “Hanno giocatori importanti ma noi proveremo a sfruttare le loro lacune”.

toscano_urla

Il tecnico rossoblù Mimmo Toscano (38)

Un Mimmo Toscano (38) a 360 gradi quello intervenuto oggi durante la lunga intervista concessa in esclusiva ai microfoni di “Balla coi lupi” sulle frequenze di Rlb. Il tecnico, che in pochi anni è riuscito ad entrare meritatamente nella storia del Cosenza calcio grazie ai successi ottenuti sul campo, ha parlato con la solita schiettezza dimostrando  le sue grandi ambizioni e la voglia di lavorare per continuare ad avere un carriera luminosa e per fare grande il Cosenza. Nelle prime dell’intervista l’allenatore ha parlato dei complimenti ricevuti da Allegri (tecnico del Cagliari), del campionato inglese (mai fermo neanche durante le festività natalizie) e della sua idea di calcio, per poi entrare nel particolare ed analizzare il campionato e il futuro suo e della squadra. “I complimenti di Allegri? Non possono che farmi piacere. Io cerco di imprimere la mia idea calcistica alla squadra, con tanta voglia di lavorare e l’ambizione che noi, la dirigenza e lo staff, coltiviamo da sempre. Credo che oltre a me ci siano tanti allenatori preparati ed in particolare mi ha colpito Calori che ha dato al suo Portogruaro l’impronta di una squadra votata al calcio moderno. Velocità di manovra, intelligenza tattica e bravura nel leggere le partite. E’ bello vedere squadre che giocano bene al calcio, così come sarebbe bello fare calcio anche durante le festività seguendo il modello inglese. Fosse per me giocherei anche a Natale e Capodanno”. Veniamo ora al Cosenza che alla prima del 2010 troverà una squadra ostica come il Pescina. Toscano ha preparato la gara nei minimi particolari e ci tiene a far bene. “Se vai a leggere i nomi pensi che questa squadra può far paura. Poi analizzi la loro classifica e le loro prestazioni e ti rendi conto che hanno alcune lacune e noi dobbiamo essere bravi a sfruttarle esprimendo al meglio le nostre qualità. Abbiamo inoltre voglia di far bene per invertire il trend di risultati negativi che ci ha visti protagonisti in trasferta di qualche partita incolore. Abbiamo lavorato tanto su questo aspetto e credo che domani sarà un banco di prova importante per verificare i nostri progressi”. A tal proposito, Toscano parla anche delle lacune psicologiche del suo Cosenza e di quali sono le “cure” per ripartire con forza e convinzione. “Per evitare di incorrere in alcuni errori credo che sia corretto analizzare bene i motivi reali delle nostre defaillance. Credo che si tratti di un aspetto meramente psicologico ma non è solo quello. Sicuramente gli episodi non sono stati dalla nostra parte e noi non siamo stati neanche bravi a fare in modo di sfruttarli al meglio ma credo che vada valutata anche una questione puramente tattica. Ho cercato di risolvere la questione dando alla squadra una nuova impostazione ed un nuovo modulo e con la Spal è andata bene. Con i due centrocampisti centrali il Cosenza è solido, compatto ed occupa bene gli spazi consentendo a Fiore di svolgere il suo compito libero da mansioni di copertura. Domani con il Pescina lo riproporrò e valuteremo i progressi dei ragazzi”. (Francesco Palermo)

Related posts