Tutte 728×90
Tutte 728×90

C5, Citrarum campione d’Inverno

C5, Citrarum campione d’Inverno

Battendo la Maestrelli la Family Prest si può fregiare del platonico titolo. Regge il Rogliano che vince a valanga sul Catanzaro. Cosenza nel baratro.

lucas_ribeiro

Lucas Ribeiro

Il Citrarum batte la Maestrelli e si fregia del titolo di campione d’inverno. Il Rogliano supera in maniera netta un deludente Atletico Catanzaro e rimane in scia. Buone le vittorie esterne della Carpe Diem sul campo del Siderno e della Fata Morgana che espugna Krotone. Partiamo dalla capolista, che come spesso è accaduto quest’anno, è riuscita a vincere la gara nel finale, dopo averla avuta in pugno per gran parte del tempo. I padroni di casa partono molto concentrati e nei primi 15 minuti segnano tre reti con Stancati, Ferraro e Lucas Ribeiro. La Maestrelli però ha una buona reazione ed accorcia le distanze con Nelo. Il Citrarum accusa il colpo e subisce anche la seconda rete reggina ad opera Fortugno. I gialloneri locali però, si riprendono dal passaggio a vuoto ed infilano gli avversari con Ferraro e Riberlo per il 5-2 che manda le squadre negli spogliatoi. La ripresa si apre con la sesta rete del Citrarum, realizzata ancora da Lucas Ribeiro. Il black out della prima frazione si ripete anche nel secondo tempo e così la Maestrelli ne approfitta per spaventare la capolista. E’ Nelo a suonare la carica realizzando la rete del 6-3. I Dragons ci credono e vanno ancora a segno con Fortugno per il 6-4. I peggio per la squadra di Ragadali deve ancora arrivare. Mister D’arrigo gioca bene tutte le sue carte, approfittando dell’inspiegabile calo fisico ma soprattutto mentale degli avversari, per andare a pareggiare la gara con una sua rete e quella di Lorenti. Increduli un po’ tutti per quello che stava avvenendo, ma il risultato segnava 6-6. Negli ultimi cinque minuti però, complice la stanchezza dei reggini, che tanto hanno speso per riprendere la partita, i tirrenici facevano loro l’incontro con le reti di Fabio Cipolla, ancora il Brasiliano Lucas Ribeiro e di nuovo Fabio Cipolla per il definitivo 9-6.  Il Rogliano inizia bene il nuovo anno, infligge una sonora sconfitta ad un Atl. Catanzaro oramai in piena crisi. Partono benissimo i padroni di casa che al 10′ passano in vantaggio con Chiappetta, i ragazzi di mister Rotundo tentano una reazione, ma il rientrante Lanni in due occasioni nega il gol del pareggio, gli all blacks rinfrancati dall’ottima prestazione del proprio portiere riprendono il pallino del gioco e al 17′ siglano il raddoppio sempre con  Chiappetta. Negli ultimi 15 minuti i ragazzi di mister Mendicino controllano bene senza rischiare nulla. Nel secondo tempo, ci si aspetta una reazione dei giallorossi, invece a colpire sono di nuovo i cosentini, al 5′ và in rete Berardi ed al 7′ Carnevale che sigla il 4 a 0 e partita praticamente chiusa. Sterile la reazione dell’Atl. Catanzaro che al 7′ sigla il gol della bandiera con Brandosino, nei minuti restanti del match, i giallorossi scompaiono ed il Rogliano incrementa il proprio vantaggio, al 10′ su calcio di rigore segna la sua doppietta personale Carnevale, al 13′ Chiappetta mette a segno la sua tripletta personale al 20′ partecipa alla festa anche Città ed a mettere la parola fine alla goleada e Cristiano G.. Continua dunque il momento magico del Rogliano, per l’Atl. Catanzaro è notte fonda. Il Siderno non riesce a contrastare la Carpe Diem, nettamente superiore sul piano del gioco. La gara si mette subito bene per gli ospiti, che siglano due reti di ottima fattura con Perri G. e Abate. Gli ionici provano ad abbozzare una timida reazione immediatamente stoppata da Laino e compagni, che con un intenso e continuo possesso palla impediscono agli avversari qualunque azione, anzi sono ancora loro a sfiorare più volte la rete del 3-0. Nella ripresa il copione non cambia, con il Siderno a prodigarsi per creare difficoltà ai cosentini, che però gestiscono agevolmente la gara ed approfittando degli spazi consessi realizzano la terza rete con Carmine Bisignano. La rete di Vitale accende le speranze del Siderno che però vengono spente immediatamente dalle reti di Barbuto e Abate per il 5-1 che chiudono di fatti il conto. Nel finale di gara Abate potrebbe realizzare la sua personale tripletta, ma Pagano glielo impedisce parando il tiro libero. Ottima vittoria della Fata Moragna in quel di Crotone, i pitagorici incappano nella seconda sconfitta consecutiva e vedono allontanarsi dalla zona play off. I ragazzi di mister Carella hanno avuto la giusta determinazione su un campo difficile e nei primi 5 minuti di gioco si portano avanti di 2 gol siglati entrambi da uno straordinario Praticò G., al 10′ accorcia le distanze Macrillò, ma a 5 minuti dalla fine della prima frazione ancora Praticò G. sigla il 3 a 1. Nel secondo tempo i ragazzi di mister De Santis entrano con la mentalità giusta ed appena dopo un minuto accorciano con Tricoli, ma la Fata Morgana risponde subito con Praticò G. Partita scintillante con emozioni a go go, al 7′ Macrillò riaccorcia le distanze e porta il risultato sul 3 a 4. A questo punto Calafiore  sale in cattedra e in 10 minuti sigla 3 reti pesantissime, che chiudono definitivamente i conti. Nel finale arriva la quinta rete personale di Praticò G. superba prestazione la sua. Fata Morgana bene, Kroton male, che ha certamente risentito della sconfitta nella finale di Coppa Italia di mercoledi. La Gallinese saluta il 2010 con una vittoria e l’entrata nei play off. I ragazzi di mister Cutrupi vincono facile contro un Città di Cosenza in versione juniores. I reggini partono forte portandosi in vantaggio con Catanese, e dopo 5 minuti raddoppiano con Praticò P. Gli ospiti accorciano le distanze con Broccolo, ma la Gallinese da un doppio colpo con Praticò P. che porta il risultato sul 4 a 1 e subito dopo, Venanzi porta le reti reggine a 5. I locali fanno un po’ quello che vogliono vista la superiorità tecnica e tattica, ma Broccolo riesce ad accorciare le distanze anche se serve a poco perchè a  chiudere la prima frazione di gioco è il solito Praticò P. 6 a 2 e tutti negli spogliatoi. Nel secondo tempo la Gallinese non abbassa mai la guardia e  ad  inizio secondo tempo allunga con Praticò P. Il giovane Spina accorcia le distanze, ma botta e risposta l’inesorabile Praticò P. porta il risultato sull’8 a 3, ma il Città di Cosenza con orgoglio riaccorcia le distanze ancora con Spina, ma nei minuti finali le giocate della Gallinese si intensificano e per il Città di Cosenza non c’è più niente da fare, Nocera allunga e porta i reggini sul 9 a 4, Porcino sigla il 10 a 4 e Praticò P. sigla 11 a 4, ultimo gol è di Cuccaro che fissa il risultato sul 11 a 5. In grande spolvero Praticò P. che oggi sigla ben 7 reti. Melitese che non si pone più limiti, dopo la vittoria della Coppa Italia di mercoledi, irrompe prepotentemente in zona play off, oggi si sbarazza facilmente di un O.S. Francesco mai in partita ottenendo la quarta vittoria consecutiva. I ragazzi di mister Franco chiudono il match già nel primo tempo, 4 a 0 è il risultato, grazie alle doppiette di Pratticò e Stuppino, il primo gol di Pratticò è da cineteca, gran destro dai 12 metri con palla sotto l’incrocio dei pali. Secondo tempo senza tanti sussulti, la Melitese controlla agevolmente senza mai rischiare, anzi a metà secondo tempo Cuzzocrea F. sigla il 5 a 0, i Silani non pungono e solo nel finale trovano il gol della bandiera siglato da Romano B. Nove punti nelle ultime tre gare per il Rosarno, che battendo nella gara odierna il Mirto lo scavalca in classifica e si tiene a debita distanza dalla zona calda. La gara non è stata delle più semplici però, per gli uomini del rientrante Nino Cannizzaro, che hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per piegare un ostico Mirto, venuto in piana orfana del suo uomo migliore Benenati. La gara si mette subito bene per i locali che nel giro di tre minuti si portano sul 2-0 grazie alla doppietta di Fiumara. Gli ionici però rispondono immediatamente pareggiando il conto con Marco Pace, che realizza anch’esso una doppietta. Ancora avanti i locali con un’altra doppietta, questa volta la realizza Fazzari Domenico. Ma Pace oggi ha il piede caldo e impatta immediatamente. Il finale di prima frazione è però di marca pianegina ed infatti arrivano tre reti con Fazzari Domenico, Cannizzaro Nino e ancora Fazzari Domenco. Nel secondo tempo il Mirto parte fortissi sfruttando la straordinaria prova di Pace che realizza due reti che riportano sotto i suoi. Il pari dei mirtesi arriva intorno al ventesimo ad opera di Gulluscio. Come nel finale della prima frazione, i locali impongono un pressione forte al match che gli consente di realizzate tre reti con Olivieri, ancora Fiumara e Cannizzaro Nino. A nulla serve la rete di Romano su tiro libero al 30′.

Related posts