Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fanucci: “Cosenza, posso dare di più”

Fanucci: “Cosenza, posso dare di più”

Il difensore non ha dubbi: “Abbiamo avuto tutti le nostre colpe ma ora ci siamo riorganizzati e siamo consci della nostra forza. Adesso dovremo giocare ogni gara come se fosse una finale”.

fanucci_in_sala_stampa

Il difensore Stefano Fanucci (30)

Ha tanta voglia di far bene e di dimostrare il suo valore al pubblico rossoblù Stefano Fanucci (30) che questa mattina al San Vito ha parlato del futuro del Cosenza e dei prossimi impegni, cruciali, per inseguire un sogno chiamato serie B. “E’ chiaro che tutti quanti vogliamo fare bene per questa maglia ma io non voglio parlare di obiettivi a lungo termine. Credo che sia più logico e costruttivo pensare ad allenarci bene e ad affrontare ogni partita come una finale. Non importa quale avversaria vai ad affrontare e di quale caratura tecnica sia, noi dobbiamo esprimerci al massimo ed al termine del campionato tireremo le somme”. Partendo proprio dal Giulianova, una squadra che in classifica stenta ed è in cerca di riscatto. “Loro sono una compagine organizzata, giovane e molto atletica. Corrono come matti e possono risultare pericolosi. A noi non deve però interessare questo, credo invece che dobbiamo vivere la partita come una battaglia. La prima di una lunga serie”. Il Cosenza ha sicuramente tutte le carte in regola per fare tre punti contro i prossimi avversari, specie adesso che sembrano risolti i problemi psicologici che hanno fatto perdere ai silani tanti punti per strada. Fanucci crede che gli errori commessi nella prima parte di stagione sono ormai alle spalle. “Abbiamo preso coscienza della nostra forza. In difesa ci siamo riorganizzati, a centrocampo abbiamo due mastini che coprono bene e sono preziosi nel far ripartire l’azione e dietro le punte un Fiore che fa la differenza e che è un giocatore eccezionale. Dobbiamo mantenere alta la concentrazione e dimostrare a tutti il nostro valore”. Ha le idee chiare Fanucci che crede però di poter fare ancora molto per i colori rossoblu e non si ritiene soddisfatto della sua prima parte di campionato. Queste le sue parole in merito: “Sono arrivato qui e non stavo bene. Sto provando a raggiungere il top della condizione e sono sulla buona strada. Non sono contento di ciò che ho fatto fino ad ora ma so che posso dare di più e sono certo che migliorerò perché ho voglia di essere importante per questa squadra”. L’ultimo pensiero va alla prima e fino ad ora unica operazione che il Cosenza ha messo in piedi sul mercato. “E’ arrivato Petrocco che è un ragazzo eccezionale ed un professionista serio che all’esordio ha compiuto un intervento miracoloso dimostrando a tutti di che pasta è fatto. Lasciatemi però fare un augurio ad Andrea Pinzan, un ragazzo speciale che ha pagato con la cessione gli errori commessi anche da noi difensori”. (f.p.)  

Related posts