Calcio a 5

Spettacolo tra Citrarum e Fata Morgana, ma il Rogliano vola in vetta

Match dalle mille emozione tra la Family Prest ed il sodalizio reggino. I tirrenici raggiungono il pari soltanto all’ultimo secondo di recupero. Ne approfitta il team cosentino grazie alle reti di Berardi e Carnevale.

azione_genericaIl Rogliano non si fa sfuggire l’occasione e vola in testa alla classifica. I ragazzi di Mendicino, sfruttano nel migliore dei modi il pari tra le inseguitrici Citrarum e Fata Morgana, imponendosi nettamente in quel di Siderno. Il big match della giornata è stato tirato sino al recupero, tempo in cui i tirrenici hanno agguantato i reggini. Una Carpe Diem molto rimaneggiata non riesce nell’impresa di tornare via da Rosarno con punti promozione. La Melitese vince la quinta vittoria di fila che le consente di collocarsi al quinto posto in classifica. La Gallinese non riesce a piegare un coriaceo Atletico Catanzaro, che in extremis conquista un meritato pareggio, disputando un buon match. Il kroton battendo il Mirto, si lascia alle spalle il periodo negativo e inguaia di fatto il team di Salvino che ora vede allontanarsi la zona salvezza. In coda vince largamente l’Oratorio contro il Città di Cosenza. Passiamo alle gare: Il Rogliano di mister Mendicino dunque espugna in scioltezza il campo del Siderno, dimostrando di essere in grande salute, infatti nel giro di 5 minuti i cosentini si portano sul 2-0 grazie alle reti di Berardi e Chiappetta. I locali provano ad abbozzare una timida reazione, prontamente annientata dalla corazzata nera, che controlla benissimo l’incontro sino al termine della prima frazione. Nella ripresa il copione non cambia, con la neo capolista sempre pericolosa e sempre sicura di se e come nel primo tempo, anche nel secondo nel giro di qualche minuto archivia la pratica andando in rete con Carnevale per il 0-3, ancora Berardi per il 0-4 e di nuovo Carnevale per il 0-5 finale. In pieno recupero Cristiano G. potrebbe arrotondare ma, calcia fuori un tiro libero. Bella ed avvincente la sfida di Fuscaldo, dove l’ex capolista Citrarum non riesce ad eliminare dalla lotta primato la Fata Morgana, venuta in terra cosentina per conquistare l’intera posta in palio. Nella prima frazione le due squadre si danno battaglia, lottando su ogni centimetro del campo, troppo penalizzante però per due squadre di questa levatura. I locali passano con Stancati ma vengono impattati subito da Calafiore. La squadra di Ragadali riprova a farsi sotto e riesce a passare di nuovo con De Rango. La risposta dei reggini non si fa attendere ed arriva puntale il pari con Quattrone. Nel finale di prima frazione, Ferraro potrebbe mandare la sua squadra al riposo in vantaggio, ma un super Spanti gli para il tiro libero. Nel secondo tempo i gialloneri provano a fare loro il match, ma la Fata Morgana è squadra tosta e dopo essere andata ancora sotto, per mano di Ferraro, ribalta addirittura la situazione con Praticò G. 3-3 e con Calafiore 3-4. Il finale è tutto di marca Citrarum, che si proietta in avanti alla disperata ricerca del pari, che prima sciupa con Riberio che si fa neutralizzare il tiro libero da Spanti e poi in pieno recupero lo ottiene grazie a Ferraro. Il Rosarno, come ampiamente detto in settimana, attraversa un buon momento di forma ed anche oggi lo ha dimostrato piegando la squadra di Tuoto. La gara per i locali inizia in salita però, perché sono gli ospiti a passare  con Laino. La reazione del Rosarno è veemente ed immediata e nel giro di dieci minuti ribalta totalmente la situazione con Megna che realizza il pari e poi con Cannizzaro D., Fazzari D., ancora Fazzari D. e Cannizzaro A. per il momentaneo 5-1. Sul finire del primo tempo Laino segna la rete del 5-2. Nel secondo tempo la Carpe Diem tenta di recuperare l’enorme gap, ma la rete di Bisignano A. viene repentinamente replicata dalle reti di Fazzari D. e Cannizzaro D. che chiudono di fatto il match e conquistano tre punti che proiettano i pianegiani lontano dalla zona play out, mentre allontanano i rossoblu dalla vetta. La Melitese, oggi era opposta ad una Maestrelli, che tutto sommato non era dispiaciuta nelle precedenti uscite che però si è dovuta arrendere alla verve della squadra di mister Franco. I locali iniziano da subito a prendere in mano le redini del giuoco, nel tentativo di mettere  sotto pressione gli avversari. I frutti della supremazia, vengono raccolti da Pratticò e Cuzzocrea G. che realizzano il doppio vantaggio. Nel finale di prima frazione Pratticò potrebbe realizzare la terza rete, ma spreca un tiro libero. Nella ripresa la Maestrelli prova a rientrare nel match sfruttando l’autorete di Barilla R.. La squadra di D’arrigo si spinge in avanti alla ricerca del pari, ma lascia troppi spazi ai propri avversari che la puniscono altre due volte con Stuppino e ancora Pratticò, sicuramente i migliori in campo. La Gallinese spreca una ghiotta occasione per consolidare la sua posizione di classifica e soprattutto lasciarsi alle spalle proprio i catanzaresi. Il pari però è il risultato più giusto di una gara divertente e molto equilibrata, giocata bene dalle due squadre, che si sono affrontate a viso aperto cercando entrambe di fare loro il match. Botta e risposta tra Venanzi che porta avanti i suoi e Mardente che pareggia. Leggero predominio della Gallinese che sul finire  della prima frazione, realizza la rete del 2-1 con Cutellè. Nella ripresa Praticò realizza la rete che potrebbe chiudere la gara, ma i giallorossi non demordono ed accorciano grazie ad una sfortunata deviazione di Nocera, che inganna il proprio portiere. Passa poco però e gli uomini di Cutrupi si riportano sul doppio vantaggio ancora con Praticò. Negli ultimi minuti gli ospiti spingono forte sull’acceleratore creando notevoli difficoltà ai loro avversari, che si vedono costretti a subire la rete del 4-3 da Mardente e nel finale da una straordinaria punizione di Celia, che pareggia il conto regalando alla sua squadra un punto importantissimo che fa classifica e morale. Il Kroton riprende il cammino verso la zona alta, lasciandosi alle spalle il periodo buio e  proprio i mirtesi, a questo punto in piena zona retrocessione. Una buona partita da parte di entrambe le squadre, che hanno giocato a viso aperto con l’obiettivo di superarsi. I padroni di casa sono stati più cinici dei loro avversari, che hanno sbagliato nei momenti topici della gara, pagando oltre misura qualche leggerezza organizzativa. Il Kroton passa in vantaggio con Scerbo a metà primo tempo dando l’impressione di poter controllare la gara ma, il Mirto è bravo a pareggiare il conto con Romano. I finale riserva grandi emozioni dapprima con Benenati che spreca malamente il tiro libero del possibile vantaggio e subito dopo ancora Scerbo realizza la rete del 2-1 che manda le squadre negli spogliatoi. La ripresa si apre con la terza rete rossoblu ad opera di Cimino. La risposta del Mirto non si fa attendere e grazie al suo uomo migliore Pace realizza il 3-2. Il Kroton non perde la calma e sfruttando alcuni eccessi di foga degli ospiti, riesce a conquistare un tiro libero che Scaccianoce realizza per il 4-2. Pace però è l’ultimo ad arrendersi dei suoi e con un bel tiro tiene in vita il Mirto. Gli ospiti a questo punto credono nel pari ma ancora Benenati, oggi nervoso e sotto tono, sbaglia il tiro libero del possibile pareggio. Il kroton, dopo lo scampato pericolo, riprende coraggio e segna la rete del definitivo 5-3 con capitan Martino. Da segnalare il bel gesto di fair play da parte di un giocatore del Kroton, che da solo davanti al portiere, butta fuori la palla per soccorrere un avversario, rimasto infortunato a terra. L’Oratorio S.F. torna alla vittoria, travolgendo sotto una valanga di gol il malcapitato Città di Cosenza. La gara si chiude praticamente già nel primo tempo, quando i padroni di casa realizzano sei reti. Il secondo tempo è uguale al primo con la sola differenza che i ragazzi di mister Garofalo rispondono alle altre sei reti dei locali con due marcature ad opera di Chiappetta e Cuccaro. Per i silani hanno segnato Romano B. due reti, Mannarino quattro, Ferrise due, Spano due, Cordua e Alessio.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina