Tutte 728×90
Tutte 728×90

Conferenza stampa infuocata. Toscano: “Ci condannano i numeri”

Il tecnico silano ammette: “L’anno scorso prendevamo pochi gol a differenza di quest’anno”. E poi precisa: “Dopo la sosta possibile qualche accorgimento in più”. Sul mercato evita commenti: “Ormai è tutto fatto. Inutile stare qui a parlare”.


toscano_e_il_suo_staff

Il tecnico Toscano ed il suo staff

Una conferenza stampa davvero infuocata quella andata in scena questo pomeriggio allo stadio San Vito. A Mimmo Toscano (38), e a tutto la staff tecnico, non sono andati giù alcuni articoli apparsi sulla carta stampata e non l’hanno mandato certo a dire. A parte gli screzi, Toscano ha tenuto più volte a sottolineare come la gara con l’Andria non sia stata brillante per il suo Cosenza. “Senza De Rose e Danti  – ha affermato l’allenatore reggino – è normale che perdiamo in ritmo e velocità d’azione. Ma penso che prima del gol del pareggio, seppur senza entusiasmare, la squadra era ben presente in campo. Poi la gara si è messa in salita e siamo andati ancora di più in difficoltà.Eravamo sfilacciati e non riuscivamo proprio a cambiare passo. Alla fine il risultato è positivo. Ci può stare una partita in cui non riesci ad essere brillante. Certo il gol con un po’ più di attenzione si poteva evitare, ma purtroppo quest’anno concediamo poco ma ci puniscono sempre”. A tal proposito il tecnico silano aggiunge. “I numeri sono quelli e sono indiscutibili. L’anno scorso prendevamo 16 gol, quest’anno siamo a 30. Ora arriva la sosta e vedremo se ci sarà la possibilità di apportare qualche accorgimento”. Il tecnico si sofferma anche sulle vicende di mercato. A fine gara, domenica sera, aveva dichiarato che “la società sa bene cosa deve fare”. A queste parole, però, non fa seguito un commento sincero su quanto accaduto all’Ata Quark Hotel di Milano. In fin dei conti anche il tecnico si aspettava qualcosa in più. Se non proprio in entrata magari in uscita. “Ormai è inutile parlare di mercato perché è chiuso. Siamo questi e saremo questi fino al 30 maggio. Tutti quelli rimasti dovranno tirare fuori il 120% e sposare in pieno il progetto Cosenza”. A chi gli fa notare come da inizio stagione giochino sempre gli stessi nonostante la folta rosa, Toscano non esita a rispondere. “Solo Marsili non ha avuto possibilità. Ma spero che anche lui mi faccia vedere durante gli allenamenti che ha voglia di far bene. E così come ho dato una chance a Ungaro e De Pascalis, potrebbe arrivare anche il suo momento”. Per Toscano dopo questo mercato, però, c’è chi può dormire sonni tranquilli e pensare al salto di categoria. “Di sicuro il Verona si è rinforzato notevolmente, ma dalla sua parte ha una potenza economica ed organizzativa importante”. (Daniele Mari)

 

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it