Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bernardi: “Quale modulo preferisco? Il 3-4-3”

Bernardi: “Quale modulo preferisco? Il 3-4-3”

L’esterno di Toscano crede nella forza  della squadraed aggiunge: “Il campionato è ancora lungo, per gli spareggi vedo bene anche Taranto e Pescara”.

bernardi_col_pallone

Bernardi, terza stagione al Cosenza

Corsa, grinta e voglia di emergere. Alessandro Bernardi (23) rappresenta ormai da anni lo spirito del Cosenza e di Mimmo Toscano, tecnico che lo ha aiutato nella sua crescita da professionista. Il calciatore, a tal proposito, sottolinea. “Devo tanto al mio allenatore. Mi ha aiutato molto e mi ha insegnato anche a difendere perché io nasco da esterno alto e in questa esperienza in rossoblù sono migliorato molto anche in fase di copertura”. Esterno offensivo o difensore classico ormai fa poca differenza, vista la qualità delle prestazioni di Bernardi e la duttilità che gli permette di essere fondamentale per la squadra. Lui ,però, conferma di essere più a suo agio quando deve badare di meno ai compiti di copertura. “Io preferisco giocare da esterno alto. Riesco a spingere tanto e ad arrivare spesso al cross. E’ anche per questo motivo che mi piace giocare nel 3-4-3 perché riesco a coprire tutta la fascia ed ho più libertà d’azione. Nel 4-4-2 invece, ho il compito di coprire e all’occorrenza devo inserirmi per dar manforte alla manovra offensiva. Mi trovo bene anche in questo ruolo e la squadra come dimostrato negli anni passati e domenica contro il Lanciano, riesce ad interpretarlo bene. Riusciamo ad essere più cinici e pragmatici e sicuramente facciamo meno errori”. E come ha detto Toscano nei giorni scorsi, chi meno sbaglia, ha più possibilità di vincere in una stagione così equilibrata. Bernardi conferma e aggiunge: “Noi abbiamo tutte le qualità per centrare i nostri obiettivi e disputare gli spareggi. Vedo bene per i play off anche Pescara e Taranto, due squadra ben attrezzate che hanno speso molto e credo anche che il Verona non ha blindato il primo posto perché mancano tante partite e le insidie sono sempre dietro l’angolo”. L’ultimo pensiero va agli obiettivi personali del giocatore. “Il sogno sarebbe arrivare in Serie A con il Cosenza e più in generale credo che ogni giocatore debba coltivare l’ambizione di giocare nel massimo campionato. Io lavoro ogni giorno e scendo ogni domenica in campo per dare il massimo, sperando che le mie prestazioni possano convincere prima di tutto lo staff e i tifosi e poi anche gli addetti ai lavori”. (Francesco Palermo)

Related posts