Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Rogliano allunga in vetta, la Carpe Diem agguanta il Citrarum

Il Rogliano allunga in vetta, la Carpe Diem agguanta il Citrarum

La capolista vince in trasferta contro la Melitese, mentre la Family Prest si fa bloccare 7-7 dalla Gallinese. Tracollo del Città di Cosenza nel derby.

carmine_bisignano_carpe_diem

Carmine Bisignano della Carpe Diem

La quinta giornata di ritorno veniva descritta come delicata per le battistrada e faverole alle inseguitrici. In realtà è stato così solo per il Citrarum frenato in quel di Gallina da una buona Gallinese, che per poco non è riuscita a superare la vice capolista. Il Rogliano invece, un punto nelle ultime due partite, sbanca alla grande il difficile campo della Melitese dimostrando, qualora ce ne fosse ancora bisogno, di essere la squadra da battere. La Carpe Diem come ampiamente preventivato sfrutta il pari dei tirrenici per agganciarli al secondo posto. La Fata Morgana non riesce a rimanere aggrappata causa la neve caduta a San Giovanni in Fiore, che le ha impedito di giocare questo match. Il Kroton spinge la Maestrelli in purgatorio e si candida da stasera per un posto  nei play off, come il Mirto che piega la resistenza dell’Atletico Catanzaro e grazie alla quarta vittoria consecutiva, si lascia definitivamente alle spalle il periodo nero, che invece rimane per i giallorossi. Il Rosarno approfittando del turno interno contro il Siderno, si stacca dalla zona calda. Vince e convince il Rogliano di mister Mendicino, che lancia un segnale forte agli avversari, speranzosi di una possibile debacle degli all blacks. La Melitese inizia come suo solito la gara, aggredendo gli avversari con un pressing ultra offensivo, respinto bene però dai cosentini che, anzi riescono ad assestare il colpo del vantaggio con Chiappetta. Neanche il tempo di esultare che i locali trovano la rete del pari con Stuppino. Il Rogliano però non si scompone e con la solita tenacia riesce a riportarsi in vantaggio grazie a Città. La fine della prima frazione è però fatale alla capolista che, deve inchinarsi alla rete di Malaspina. Nella ripresa parte a razzo il Rogliano che con Chiappetta e Carnevale si porta sul 2-4. Mister Franco prova la carta del portiere di movimento che porta i suoi frutti. Infatti è Latella a insaccare la rete del 3-4. Ultimi tentativi dei locali che però devono arrendersi di fronte ad una grande squadra. Partita spettacolo a Gallina, dove i padroni di casa impongono il pareggio al Citrarum e fermano la loro corsa per il primo posto. Il risultato finale è di 7-7 e rammarico nel finale per la Gallinese che forse meritava qualcosa in più del pareggio. Il Citrarum purtroppo incappa nella giornata no del portiere Gervasi e limita i danni. Partono bene gli ospiti cha passano in vantaggio con De Rango, ma la partita è un botta e risposta costante, infatti la Gallinese pareggia subito con Iracà, di nuovo sussulto ospite che ripassa in vantaggio con Stancati. I ragazzi di mister Cutrupi nel finale di primo tempo, riacciuffano prima il pareggio con Iracà e poi passano in vantaggio con Martino. Nel secondo tempo i yellow submarine si portano sul pari con Ferraro. Ma la risposta della Gallinese non si fa attendere e con Praticò P. vanno avanti. Ma come dicevamo all’inizio è una botta e risposta, e Ferraro riporta la partita di nuovo in parità. A metà secondo tempo ci ripensa Iracà a siglare il gol del 5-4, ma De Rango segna il 5-5. La partita viene giocata a grandi ritmi, belle giocate e da una di queste scaturisce il nuovo vantaggio dei padroni di casa con Cutellè. Il Citrarum non resta a guardare ed il solito De Rango trova il pareggio. Nel finale gli ultimi due sussulti di Praticò che segna l’illusorio 7-6 seguito dal definitivo pari di De Rango. Plauso ad entrambe le squadre per il bel match, in particolare ai due bomber di giornata, Iracà tripletta e De Rango che mette a referto un poker. Turno favorevole per la squadra di Tuoto che si sbarazza con un 0-6 dei cugini del Città di Cosenza, avvicinandosi sempre di più alla vetta della classifica. Risultato mai in discussione, la Carpe Diem chiude i giochi già nel primo tempo, mettendo a referto quattro reti, con Carpino, Abate e una doppietta di Metallo. Nel secondo tempo i ragazzi di mister Tuoto non infieriscono più di tanto contro il malcapitato Città di Cosenza, siglando altre due reti con Perri G. e Bisignano C. Il Kroton vince con un netto 3-0 e irrompe prepotentemente nella zona play off, rilegando sempre più giù la Maestrelli. La prima frazione viene gestita benissimo dai padroni di casa, che giocano bene e chiudono  in vantaggio di una rete a zero grazie al gol di Scaccianoce. Nel secondo tempo, la Maestrelli esce grintosa dagli spogliatoi, ma la buona volontà non porta i risultati sperati, perché a colpire per il 2-0 sono i pitagorici con Martino. Partita chiusa, i dragons non hanno più la forza per rientrare nel match ed i padroni di casa nel finale arrotondano il risultato con il gol di Tricoli. Lo scontro diretto tra Mirto e Atl. Catanzaro finisce con la vittoria dei padroni di casa. Il Mirto risale la classifica e si porta a ridosso della zona play off, e nello stesso tempo inguaia i giallorossi che precipitano in piena lotta play out. Partita spettacolare, con gol e ottime giocate da entrambi i lati. Passa in vantaggio la squadra di mister Madeo con Benenati, ma l’Atl. Catanzaro si mette subito in carreggiata pareggiando prima con Iozzino e poi portandosi in vantaggio con Bruni. Il Mirto non ci sta, e grazie al suo uomo migliore, pareggia il conto, chiudendo la prima frazione. Nel secondo tempo la squadra ionica esce meglio dagli spogliatoi, la grinta e la maggiore incisività porta i frutti sperati, bomber Benenati (tripletta), porta in vantaggio i padroni di casa, e poco dopo Golluscio sigla il 4-2. Atl. Catanzaro frastornato, incapace di reagire, nel finale accorcia le distanze Pastori, ma oramai è troppo tardi , il risultato finale è di 4-3. Vince il S.G. Rosarno una partita non bella giocata su ritmi molto blandi. Il Rosarno prova a mettere subito sotto il Siderno, che però rifila un uno-due micidiale con Mancuso ed Etna. La reazione dei locali stenta ad arrivare, in quanto gli ionici si difendono bene e contrastano i più quotati avversari senza troppe difficoltà. Nel finale di prima frazione sale in cattedra Fazzari G., che accorcia le distanze. Nella ripresa gli ospiti calano ed il Rosarno ne approfitta colpendoli in velocità con Fazzari G. che segna la rete del 2-2. Cannizzaro A., doppietta per lui e ancora Fazzari G. per il 5-2 finale che spinge i pianegiani lontani dalla zona play out. Come anticipato rinviata per neve Oratorio S.F.-Fata Morgana

Related posts