Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fanucci non cerca alibi: “Vietato sbagliare, ora solo finali”

Fanucci non cerca alibi: “Vietato sbagliare, ora solo finali”

Il difensore bacchetta la stampa: “Spesso abbiamo ricevuto troppe critiche ingiuste e mirate. Ora però stiamo migliorando e scenderemo in campo sempre per vincere”.

fanucci_in_sala_stampa

Il difensore Fanucci in sala stampa

Se è vero che tre indizi fanno una prova, è altrettanto chiaro che il Cosenza nelle ultime tre partite ha trovato l’apporto fondamentale di una difesa troppe volte bersagliata dalle critiche. Stefano Fanucci (31), dopo una serie di prestazioni in chiaroscuro, è finalmente diventato uno dei punti fermi del pacchetto arretrato che, nel decisivo match di domenica, dovrà offrire una gran prova contro l’attacco più prolifico del girone. Il difensore, sempre schietto ma mai banale, analizza l’incontro ormai alle porte e bacchetta benevolmente chi ha criticato la squadra: “Troppo spesso la difesa ha subito alcuni duri attacchi, spesso  mirati, per le prestazioni offerte. Se guardiamo a partite come quella persa in casa con il Giulianova, è chiaro che si può parlare di una prestazione negativa ma tante volte la squadra è stata punita ingiustamente. Basta pensare al match perso contro il Verona, dove il pacchetto arretrato ha subito poco. Anche il sottoscritto ha spesso ricevuto critiche e voti negativi dopo le partite. Io però non faccio caso ai giudizi perché so bene quando sbaglio e quando invece faccio bene. Non devo giustificarmi ma pensare a far bene ed a migliorare sempre le mie prestazioni”. E sulla Reggiana precisa: “Si troveranno a sfidarsi due reparti offensivi fra i migliori della categoria. Questa partita è sempre stata ricca di reti e se la situazione dovesse ripetersi spero che sarà il Cosenza a buttare la palla dentro. All’andata abbiamo preso troppi gol e non siamo praticamente scesi in campo. Ora abbiamo voglia di rivalsa ma non dobbiamo vendicare quella sconfitta, bensì trovare una vittoria per superare gli avversari in classifica”. Fanucci risponde sempre chiaramente e nelle ultime prestazioni il suo rendimento è migliorato notevolmente. Sarà un caso ma con il cambio del modulo la difesa ha dato indicazioni indubbiamente positive. Il calciatore precisa: “A volte non è solo il modulo a modificare le prestazioni. E’ chiaro che con il 4-4-2 i reparti sono più equilibrati ma abbiamo affrontato in passato alcune prestazioni nelle quali anche contro grandi squadre abbiamo subito poco. La differenza, a parer mio, la fa la capacità di scendere in campo per far bene e la voglia di rivalsa nei confronti del campionato. Solo così puoi raggiungere gli obiettivi e noi ci troveremo ad affrontare solo finali da qui alla fine della stagione. Il campionato è lungo ma le partite sono sempre di meno ed è vietato sbagliare. Noi vogliamo andare più in alto possibile e non cercheremo alibi”. E poi sempre sulla nuova disposizione tattica aggiunge: “Io in passato ho giocato anche con Giorgio Chiellini, bravo da centrale e anche da terzino e con tanti calciatori versatili che coprivano bene ogni ruolo in difesa. Il Cosenza ha giocatori duttili in grado di interpretare bene diversi ruoli, quindi credo che non ci saranno tanti problemi”. L’ultimo pensiero va al piccolo momento di tensione che nei giorni scorsi ha visto protagonisti alcuni suoi compagni: “Chi gioca al calcio ha sempre visto situazioni simili e voglio aggiungere che non sono questi i momenti di tensione. E’ stata una discussione che si è chiusa subito ed intorno è stato alzato un polverone inutile. Ho visto di peggio”. Ed una bacchettata anche alla direzione del torneo. “Abbiamo fatto una pausa per le feste natalizie poco più di un mese dopo è arrivata l’altra. Le soste spezzano il ritmo e non è facile poi riprendere”. Dopo tante parole ora bisogna pensare al campo. Il match contro l’attacco più prolifico girone è alle porte ma la difesa è pronta. E Fanucci c’è. (Francesco Palermo)

Related posts