Tutte 728×90
Tutte 728×90

Toscano: “Non facciamo drammi, siamo ancora in piena corsa”

Toscano: “Non facciamo drammi, siamo ancora in piena corsa”

Al tecnico non è piaciuto il secondo tempo dei rossoblù ma a suo dire, un punto contro gli emiliani, non è assolutamente da buttare: “Abbiamo giocato contro una buona squadra e volevamo vincere. Non ci siamo riusciti ma anche le altre big sono in difficoltà”.

toscano_con_la_reggiana

Toscano durante il match di oggi

Era tanta l’attesa e la voglia di vincere del Cosenza in un match importante come quello visto oggi al San Vito. Domenico Toscano (38) aveva chiesto concentrazione e determinazione e la squadra sotto questo profilo ha risposto bene, non riuscendo però a portare a casa l’intera posta in palio. Il tecnico analizza il match: “Ho assistito ad un secondo tempo davvero bruttissimo. Nella prima frazione siamo stati bravi ma nella ripresa la compagine di Dominissini è uscita alla grande mettendoci in grossa difficoltà. Nonostante tutto i miei ragazzi hanno lottato fino alla fine e posso dire con certezza che hanno fatto il massimo nell’arco dei novanta minuti. Il risultato non è arrivato ma abbiamo raccolto un punto contro una squadra attrezzata per vincere il torneo. Non è un risultato così disastroso”. E poi aggiunge: “Siamo ancora in piena corsa play off e sono solo due le lunghezze che ci dividono dalle prime in graduatoria, ragion per cui non capisco perché qualcuno vuole creare allarmismi e parlare di una squadra che non merita di lottare per obiettivi importanti”. Ritornando al match, Toscano motiva le sostituzioni operate e spiega così l’assenza di Roselli. “Ad un certo punto della gara c’era la possibilità di inserirlo e spostare Fiore più avanti. Ho ritenuto invece più opportuno mandare in campo Scotto per provare a vincere la partita. Non è andata bene perché gli avversari hanno giocato in maniera ordinata ma io ho fiducia nel gruppo perché ho visto una squadra in grado di lottare bene che ha saputo soffrire nei momenti delicati”. Tutto ciò però oggi non è bastato e il mister dovrà pensare a qualcosa in più per dare ai suoi lo sprint in questo finale di stagione: “Credo che la squadra abbia bisogno di trovare la giusta continuità di risultati. E’ questo che ci manca e per farlo bisogna vincere fra le mura amiche. Anche oggi ci abbiamo provato e la squadra ha dato il massimo ma ogni partita ha la sua storia ed ora bisogna pensare al prossimo impegno”. Chiusura dedicata a Gabrieli, giovane portiere autore oggi di un’ ottima prestazione: “E’ stato bravo. Non era facile entrare a partita in corso e lui si è calato subito nel ruolo risultando prezioso ai fini del risultato finale. (f.p.)

 

Related posts