Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Rogliano chiede, la Carpe Diem risponde

Il Rogliano chiede, la Carpe Diem risponde

Le due capoliste battono Maestrelli e Fata Morgana, che di fatto è tagliata fuori dalla corsa al primo posto. Bene il Citrarum che espugna Mirto.

marco_metallo

Marco Metallo

Tutto secondo pronostico la nona giornata di ritorno che decreta l’esclusione della Fata Morgana dalla lotta per la vittoria finale, che vedrà coinvolte le tre cosentine. La Carpe Diem riesce nell’intento di superare una diretta concorrente, anche se la copertina spetta al Citrarum che riesce nell’impresa di espugnare il difficilissimo campo del Mirto. Compitino assolto per gli All black, che vincono a Reggio contro la Maestrelli. In zona play off acuto del Kroton che batte l’Atletico Catanzaro, mentre clamorosa è la sconfitta della Gallinese in quel di San Giovanni in Fiore. Partiamo dal big match di giornata, che ha visto di fronte due squadre che hanno dimostrato di valere le posizioni di classifica che occupano. La squadra di casa, in virtù del difficile calendario, non può sbagliare questo appuntamento. Dopo un’iniziale fase di studio i locali passano con Marco Barbuto. La risposta dei reggini è immediata infatti Praticò realizza la rete del pari. Passa poco e la Carpe Diem si riporta avanti con Metallo. I rossoblu controllano bene sino alla conclusione della prima frazione. La ripresa si apre con il gol del pari di Furfari. La squadra di casa prova a chiudere il match ma la Fata Morgana è squadra tosta e sempre in grado di insidiare la porta avversaria. I cosentini però trovano il varco giusto per segnare la rete del 3-2 con Bisignano C. Gli ospiti spingono alla ricerca del pari ma subiscono la rete del 4-2 ancora con barbuto. La rete del definitivo 4-3 la segna Rappocciolo. Come detto il Citrarum compie una vera impresa, andando ad espugnare in pieno recupero il campo del Mirto. La squadra di casa disputa un bel primo tempo e potrebbe andare in gol in più occasioni, ma un super Pacheco glielo impedisce. E come spesso succede dal possibile vantaggio locale si passa addirittura al doppio vantaggio ospite con Stancati e Ciccio Cipolla. Nella ripresa i padroni di casa schiacciano i tirrenici fino al punto di ribaltare completamente la situazione con la doppietta del rientrante Benenati e con il gol di Marco Pace. Il finale è incandescente con il Citrarum che agguanta il pari con Ferraro che subito dopo potrebbe segnare la rete della vittoria però sbaglia il tiro libero. La ret però è solo rimandata infatti nel terzo minuto di recupero lo stesso bomber giallonero realizza la rete della vittoria, punendo il Mirto che avrebbe sicuramente meritato qualcosa in più. Il Rogliano si impone facile a Reggio Calabria, battendo nettamente una oramai dimessa Maestrelli incapace di contrastare i più quotati avversari. Nella prima frazione i padroni di casa creano qualche buona occasione, senza riuscire però a metterla dentro, cosa che invece riesce benissimo agli ospiti che vanno in gol due volte con Carnevale e Gallo. Nella ripresa il copione non cambia con gli ospiti che controllano bene i loro avversari e sfruttando benissimo gli spazi concessi. In rapida sequenza vanno in gol Chiappetta, Carnevale, Chiappetta altre due volte. La rete del 1-6 la segna Shulko, che rimarrà quella della bandiera. L’ultima rete, quella del definitivo 1-7 la segna Città. Vince con pieno merito il Kroton di De Santis che da stasera occupa l’ultimo posto valido per i play off. I padroni di casa hanno condotto il match dall’inizio alla fine senza mai permettere ai giallorossi di rientrare in partita. Partono forte i pitagorici che già nella prima frazione  mettono al sicuro il risultato, andando in gol con Cimino, Tricoli e Scaccianoce. Nella ripresa gli ospiti segnano l’illusoria rete del 3-1 con Iozzino, prontamente respinta delle reti di Scerbo e ancora Cimino. La rete del definitivo 5-2 la segna ancora Iozzino. Passo in avanti importante dei krotonesi sempre più lanciati verso il sogno chiamato play off, riomandata invece la banda Rotundo, incapace oggi di reagire allo svantaggio iniziale e mai in grado di impensierire seriamente gli avversari. Torna alla vittoria la Melitese, che con i tre punti di oggi ipoteca la permanenza diretta nel massimo campionato regionale. I pianegiani reggono un tempo, poi crollano vistosamente nella ripresa di fronte alla migliore condizione dei padroni di casa. Nella prima frazione botta e risposta tra le due squadre. Apre Stuppino poi la rete del pari di Fazzari G. 2-1 di Pratticò e risposta immediata di Megna. La Melitese prova a spegnere gli ardori dei pianegiani con la rete di Barilla M.. Fazzari G. però riporta il risultato in parità. La rete del vantaggio melitese arriva ancora ad opera di Pratticò che è anche l’ultima del primo tempo. Nella ripresa sprint iniziale dei locali che segnano con Latella e due reti di Stuppino per il momentaneo 7-3. Fazzari D. per il 7-4. Ancora Latella e ancora risposta del Rosarno con Fazzari D. L’ultimo gol della Melitese lo segna Malaspina, mentre quello dei rosarnesi ancora Megna. Brutta sconfitta della Gallinese, umiliata da uno straordinario ed orgoglioso Oratorio S.F. Già nella prima frazione i padroni di casa si assicurano la vittoria, segnando tre reti di pregevole fattura con Spanò, Straface e Foglia. Nella ripresa ci si attende la reazione degli ospiti che però non arriva, anzi l’uragano silano si abbatte sui reggini che soccombono sotto i colpi di Alessio, Ferrise due volte e Simari doppietta. Sconfitta che indirizza la Gallinese verso la quasi certezza dei play out. Vince ancora il Siderno che rimane a soli due punti dall’Oratorio. Il compito di oggi non era certamente di quelle impossibili per gli ionici che chiudono la prima frazione sul 1-2, dopo essere andati sul doppio vantaggio con le reti di Vitale e Iannopollo. Spina riapre i giochi sul finire di prima frazione. Nella ripresa gli ospiti controllano e approfittando degli spazi lasciati dai cosentini li infilano per altre tre volte con Mancuso, Gimondo e Macrì.

 

Related posts