Tutte 728×90
Tutte 728×90

L’annuncio di Carnevale: “Luca Pagliuso nuovo General manager rossoblù”

L’annuncio di Carnevale: “Luca Pagliuso nuovo General manager rossoblù”

Conferenza stampa al San Vito del presidente che si sofferma anche sul ruolo di Mirabelli: “Resta al suo posto ma il collante tra società e squadra sarà il GM”. Il primo passo sarà quello di trasferirsi al Virginia: “Creeremo lì una sorta di casa del Cosenza”. Adesso sforzi concentrati sulla conquista della serie B.

dsc000901

La conferenza di stamattina

Il sole di oggi sembra aver portato serenità all’interno del Cosenza calcio. Oggi al San Vito il presidente Carnevale, neo azionista di maggioranza del sodalizio silano, ha dato conto di quanto avvenuto negli ultimi quindici giorni: “Abbiamo lavorato esclusivamente per il bene del Cosenza, se non si fosse arrivato alla cessione del pacchetto di maggioranza, il club sarebbe entrato in una crisi profonda. Pino Chianello, a cui va il mio ringraziamento per aver condotto il Cosenza in Prima divisione, aveva deciso di lasciare per motivi personali. Dato che soluzioni esterne non ce n’erano, ho deciso di accollarmi questa ulteriore responsabilità. Sia chiaro che non mi piace assumere il ruolo di falco, nè tantomeno è mio costume fare delle scalate. Se ho acquisito il suo 53% è soltanto per amore dei colori sociali”. Dal preliminare di cessione all’atto ufficiale dal notaio Gisonna sono passate due settimane. “Non è mai stata in pericolo l’acquisizione delle quote, ma c’era tanto da parlare e da trattare. Una volta arrivata la fumata bianca, si è provveduto subito, come vuole la prassi, a convocare un Cda dove c’è stato un piccolo rimpasto: Francesco Iannucci è il nuovo amministratore delegato, mentre Luca Pagliuso assumerà il ruolo di General Manager, una carica importantissima. Quando io e mio figlio saremo occupati con le nostre aziende, sarà lui il nostro punto di riferimento. Ovviamente sarà anche il collante tra società e squadra”. Sorge naturale chiedere se la figura di Mirabelli, che ha spinto fortemente per la chiusura dell’accordo, sarà ridimensionata. “Ognuno lavorerà nel rispetto del proprio ruolo, Massimo e Luca possono coesistere perché la priorità è quella di andare in serie B. Fatto sta che le dichiarazioni di Mirabelli che poneva dubbi sul fatto di chi comandasse, non mi sono piaciute. Hanno un po’ creato allarmismo nello spogliatoio”. Tornando al rampollo di casa Pagliuso, Carnevale aggiunge: “C’è bisogno di gente come lui che voglia condividere con noi questa avventura. Se la sua famiglia entrerà in affari con noi? Lo spero vivamente perché nessuno può dimenticare quanto hanno fatto per il Cosenza. A volte però il calcio è strano. Il primo passo sarà quello di spostare la squadra al Virginia. Il terreno del Sanvitino lascia a desiderare, mentre a Casole Bruzio creeremo la casa del Cosenza, dove allenarsi, pranzare e stare in foresteria”. Un cambiamento notevole che lascia aperti pertanto tanti scenari dopo il 30 giugno. “Ho già parlato alla squadra e ho detto loro di stare tranquilla. Dobbiamo andare in serie B e loro lo sanno, ma se non dovessimo centrare l’obiettivo l’anno prossimo proveremo ancora con più vigore a tornare tra i cadetti. Avevo accennato ai calciatori l’idea di un premio promozione prima del match con la Reggiana, ma loro stessi mi hanno detto che mi avrebbero fatto sapere quando discuterne. Credo che le ultime prestazioni li abbiano indotti a non battere cassa. Non voglio fare proclami, perché nel mondo del pallone non c’è niente di certo, ma mi stizziscono sconfitte come quelle contro il Potenza”. Ultima battuta sull’ingresso di nuove figure come quella di Citrigno, De Caro e Cariola. “Stiamo trattando con altri imprenditori, a breve convocheremo l’assemblea dei soci e valuteremo se allargare il Consiglio d’amministrazione. Mi farebbe piacere che s’investisse nel progetto Cosenza, anche perché così si sgraverebbe la mia famiglia di pesanti oneri”.   (co. ch.)

Related posts