Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carnevale risponde a Toscano: “L’unico compromesso era vincere”

Carnevale risponde a Toscano: “L’unico compromesso era vincere”

Il presidente precisa la posizione dell’ex allenatore rossoblù: “Il contratto rinnovato non era stato depositato”. Poi la frecciatina al direttore Mirabelli: “Una campagna acquisti confusionaria”

giuseppe_carnevale_foto_mannarinoNel giorno della lettera d’amore scritta da Toscano alla città e ai tifosi del Cosenza, il presidente Giuseppe Carnevale intervistato da Rlb durante la trasmissione “Balla coi Lupi” precisa un po’ di cose riferendosi alle parole dette proprio dall’ex tecnico rossoblù durante la conferenza stampa di addio. Prima però il presidente fa i complimenti al nuovo tecnico Ezio Glerean. “Mi è sembrata da subito una persona che sa il fatto suo. I calciatori prima nel pranzo prima della gara a Pescara mi erano sembrato troppo cupi, mentre adesso mi sembrano più sollevati e sereni. Pensiamo quindi al Rimini, sarà una gara fondamentale. Ecco che poi si passa all’argomento Mimmo Toscano. “Innanzitutto penso sempre che sia una grandissima persona – afferma Carnevale – ma non so a cosa si riferiva quando ha parlato di compromessi. L’unico compromesso che c’era fra di noi era la vittoria del campionato. Comprendo lo stato d’animo di Toscano, ma penso che mancando così poche partite l’esonero era l’ultima spiaggia. Vedevo la squadra giù di corda e penso che servisse una scossa”. Il presidente del club rossoblù, stuzzicato dallo studio, torna anche sul contratto rinnovato a tutto lo staff tecnico di Toscano non più tardi di 3 mesi fa. “Purtroppo il contratto non era stato ancora depositato. Per questo presto mi vedrò con Toscano per definire la situazione. Anche perchè rimango un suo estimatore e anche a lui ho detto che chissà un giorno le nostre strade non si possano incrociare di nuovo. Il suo esonero è stata una decisione molto difficile e sofferta, che non è avvenuta prima perchè abbiamo avuto problemi che andavano risolti con una certa priorità”. (Solo più tardi sempre su Rlb sarà Pino Chianello a chiarire che in realtà il contratto di Toscano e del suo staff è stato ratificato e depositato ndr). Carnevale sempre riferendosi alle parole di Toscano, il patron del Cosenza passa in rassegna anche il mercato di gennaio, lanciando anche una frecciatina al direttore generale Mirabelli. “Per gran parte del girone di andata siamo stati accusati di aver creato una squadra con una rosa troppo ampia, perchè 30 giocatori sono impossibili da gestire. Ora invece che al mercato invernale dovevamo addirittura comprare qualche altro giocatore. Beh! Abbiamo dato via Ceccarelli e Mortelliti, che tanto non giocavano mai, e Caccavallo. Abbiamo risparmiato diversi soldi. Poi nonostante avessimo giù un reparto difensivo abbondante, che adesso conta 8 elementi, Toscano ha richiesto l’acquisto di Scognamiglio e l’abbiamo accontentato. Per quanto riguarda Biancolino non è vero che lo volevamo cedere al Taranto. Anche perchè c’era anche la Salernitana che voleva il giocatore e per molto di più di 200mila euro. Diciamo che forse è stata una campagna acquisti confusionaria all’inizioe che si poteva anche spendere qualcosa in meno”. Carnevale si concede volentieri alle domande da studio che lo interrogano sul premio promozione e stipendi, argomenti anche questi molto caldi. “L’ho già detto in passato. Dopo la gara col Giulianova ero andato a saldare gli stipendi e proprio a parlare di premio. I giocatori però mi hanno risposto che mi avrebbero fatto sapere loro. Poi c’è stata una serie di gare deludenti e non mi hanno più fatto sapere nulla. E penso che abbiano pensato bene viste le prestazioni. Poi sotto il profilo degli stipendi noi abbiamo saldato fino a febbraio, manca perciò solo marzo”. Ultime battute il presidente le dedica al nuovo tecnico e alle prossime gare. “Il contratto con Glerean è di tre mesi e non c’è alcuna opzione per l’anno prossimo ma poi si vedrà. Pensiamo ora a giocare partita dopo partita. Penso che al momento il Cosenza abbia il 50% di possibilità di centrare i playoff e se lo debba giocare tutto”. (cs.ch.)

Related posts