Tutte 728×90
Tutte 728×90

Glerean è preoccupato: “Squadra battuta ancor prima di scendere in campo”

Glerean è preoccupato: “Squadra battuta ancor prima di scendere in campo”

Amaro esordio per il tecnico che ribadisce il cattivo stato fisico e mentale dei suoi. “Squadra psicologicamente scarica e fiato corto. C’è bisogno di intervenire subito altrimenti la strada è in salita”.

ezio_glerean_2

Il tecnico silano Ezio Glerean (54)

Un esordio così non lo avrebbe immaginato neanche nel peggiore dei suoi incubi Ezio Glerean (54) sconfitto dal Rimini al suo esordio col Cosenza. Queste le prime parole del tecnico nel dopo gara. “Sono amareggiato e deluso perché abbiamo preso tre reti in casa ma ancor di più perché ho visto una squadra scarica e spenta. La condizione della squadra è preoccupante perché è vero che eravamo privi di alcune pedine fondamentali ma il gruppo non è riuscito mentalmente ad avere l’approccio giusto con la partita. Pare che i ragazzi abbiano giocato il match ancor prima di scendere in campo e il risultato si è visto negli errori in fase difensiva e sotto porta”. L’analisi è corretta e la medicina è il lavoro. E’ chiaro, però, che a poche giornate dal termine serve una terapia d’urto, capace di invertire un trend di risultati preoccupante. “Ho avuto modo di valutare la squadra nei novanta minuti e posso dire con certezza che ci saranno tanti fattori da correggere. La squadra deve mettersi alle spalle il periodo negativo perché se parti mentalmente battuto non puoi riuscire a gestire la pressione. I ragazzi sono preoccupati e devono lasciare andare la testa e le gambe perché così è difficile esprimerti al meglio. Valuteremo tutto al più presto sperando anche di avere a disposizione quei giocatori che fino ad oggi sono venuti meno causa infortuni”. Deve reagire il Cosenza, che può guardare con un pizzico di fiducia alla zona playoff ma deve fare i conti con le inseguitrici che avanzano. Glerean analizza i prossimi incontri del Cosenza. “Sappiamo tutti che i ragazzi possono fare bene. E’ chiaro che non è facile guardare avanti con la paura di essere risucchiati nelle zone basse ed è proprio per questo che dobbiamo attuare delle correzioni tattiche e lavorare sulla testa dei calciatori. La situazione è preoccupante e così si fa poca strada ma sono certo che riusciremo a mettere più grinta e coraggio nelle prossime prestazioni”. A cominciare dall’impegno di Coppa Italia che arriva in un momento molto delicato per i colori rossoblù. “Non è facile ricaricare le batterie e fornire una prestazione convincente fin da subito. Spero, però, di poter recuperare qualcuno e di poter infondere fiducia ad un gruppo al quale non mancano i mezzi per fare risultato”. L’ultimo pensiero è dedicato al pubblico del San Vito che ha invocato a gran voce un ritorno di Mimmo Toscano. “I tifosi del Cosenza hanno dimostrato con quei cori l’attaccamento al mister e alla maglia. Io non ho mai pensato di dimettermi perché sono appena arrivato ed il mio compito è quello di trovare una soluzione ai mali di questa squadra”. (Francesco Palermo)

Related posts