Tutte 728×90
Tutte 728×90

LP1/B: il punto dopo la trentunesima giornata di campionato

LP1/B: il punto dopo la trentunesima giornata di campionato

Il Pescara batte la Reggiana e si porta in testa insieme a Portogruaro e Verona. La Ternana pareggia e il Rimini ora è ad un punto. Ecco tutti i tabellini:

bernardi_su_piccioni

Bernardi in tackle su Piccioni

Mancano tre giornate al termine del girone B di Prima Divisione e la lotta in testa ed in coda alla classifica si fa sempre più accesa. Il Pescara, scatenato nel 3 a 0 rifilato alla Reggiana, ha approfittato dei pareggi di Portogruaro e Verona, raggiungendo le due squadre in vetta alla classifica. Il primato resta un discorso aperto a queste formazioni mentre nella lotta play off restano due posti per Ternana, Reggiana e Rimini. In coda invece, il discorso è aperto almeno a nove squadre e da qui al termine ci sarà da sudare per non cadere nell’inferno dei play out.
Cavese-Andria (1-1): Tutto nel secondo tempo nel match fra due formazioni che con una vittoria avrebbero messo una seria ipoteca sulla salvezza. Ne esce fuori invece un pareggio tutto sommato giusto firmato dalle reti di Turienzo e Sy, entrambe su calcio di rigore. Domenica prossima all’Andria toccherà battere fra le mura amiche il Pescina mentre gli uomini di Stringara faranno visita al Giulianova in un match da vincere a tutti i costi. Il tabellino:
CAVESE (3-4-3): Russo 6; Cipriani 6,5, D’Orsi 6, Nocerino 6,5; Bachiocchi 6 (33′ st. Lagnena 5,5), Spinelli 5,5, Favasuli 6,5, Radi 6; Schetter 6,5 (24’st Maiorano 6), Turienzo 6, Insigne 6 (1′ st. Cruz 5,5). A disp.: Santi, Scartozzi, Berretti, Bernardo. All. Stringara
ANDRIA (4-4-2): Padavecchia 6; Pierotti 6,5, Pomante 6, Sibilano 6, Ceppitelli 6 (33′ st Lacarra 6,5); Rizzi 6 (12 st Doumbia 6) Mezzavilla 6, Paolucci 6, Chiaretti Cossenzo 6,5; Sy 6,5, Anaclerio 5,5 (40′ st Dionigi ng). A disp.: Locatelli, Iennaco, Polverini, Milella. All. Papagni
ARBITRO: Ruini di Reggio Emilia Guardalinee: Grispigni e Cipolloni
MARCATORI: 10 st Turienzo (C) rig., 38′ st Sy (A) rig.
NOTE: al 44′ pt allontanato dalla panchina il dirigente accompagnatore della Cavese Virno. Amm: Bachiocchi (C), Radi (C), Ceppitelli (A). Spettatori 1623 per un incasso di euro 17560. Angoli 6 a 1 per la Cavese. Rec: pt.3′, st. 5′.

Pescara-Reggiana (3-0): Troppo forte il Pescara di Di Francesco che voleva fortemente una vittoria per provare ad insidiare il primo posto in classifica. Così è stato ed ora gli abruzzesi si trovano a condividere la vetta della con Verona e Portogruaro. Le reti del definitivo tris portano le firme di Ganci e Tognozzi, entrambe di testa nella prima frazione e di Colletti a quindici minuti dal termine ancora con una zuccata imprendibile per il portiere Tomasig, comunque bravo a limitare il passivo. Da segnalare il conto dei corner, 11 a 0 per i padroni di casa che è indicativo della netta superiorità dimostrata da Ganci e soci che iniziano a respira profumo di Serie B. Il tabellino:
PESCARA (4-4-2): Pinna 6; Zanon 6 Olivi 6 Mengoni 6 Petterini 6; Soddimo 7 (33′ st Vitale sv) Coletti 7 Tognozzi 7 Dettori 7; Ganci 7,5 (24′ st Zizzari 6) Sansovini 6,5 (27′ st Gessa sv). A disp.: Bartoletti, Sembroni, Medda, Carboni. All.: Di Francesco.
REGGIANA (4-4-1-1): Tomasig 6,5; D’Alessandro 5,5 (31′ st Mallus sv) Girelli 5,5 Zini 5,5 Mei 5,5; Nardini 6 (10′ st Temelin 6) Saverino 6 Maschio 5,5 Viapiana 5,5 (38′ st Castiglia sv); Alessi 5,5; Inglari 6. A disp.: Manfredini, Ferrando, Romizi, Ferrari. All.: Dominissini.
ARBITRO: Del Giovane di Albano Laziale.
MARCATORI: 7′ pt Tognozzi, 26′ pt Ganci, 29′ st Coletti.
NOTE: spettatori 10.798 per un incasso di 54.055 euro (abbonati 5.366 con un rateo di 27.709,31 euro). Amm: Sansovini (P), Coletti (P), Alessi (R), Dettori (P. Angoli 11-0 per il Pescara. Rec.: 1′ pt; 0′ st.

Valle del Giovenco-Giulianova (1-2): Sconfitta pesante per i marsicani, risucchiati in piena zona play off e sconfitti da una pretendente alla salvezza. Nel primo tempo ospiti in vantaggio con una bella rete di Schneider. Nella ripresa il Pescina si presenta in campo con Cesar e Bettini ed è proprio da una azione dei giocatori entrati nel secondo tempo che i padroni di casa trovano il pareggio. A ristabilire le distanze però ci pesa Campagnacci che supera tre uomini e conclude il suo slalom con la rete che lascia accese le speranze dei giallorossi di Giulianova. Il tabellino:
VALLE DEL GIOVENCO (4-4-2): Bifulco 5,5; Locatelli 6,5 Pomponi 6,5 Molinari 7 Birindelli; 6 Rebecchi 5 (1’st Cesar 6,5) Bettega 6,5 De Angelis 6 Capparella 5 (1’st Negro 5); Cipolla (23’st Bettini 6,5) Dall’Acqua 5. A disp.: Merletti, Di Bella, Suriano, Ferraresi. All.: Cappellacci.
GIULIANOVA (4-3-3): Dazzi 6,5; Lieti 6 Migliore 6 Sosi 6 Vinetot 6,5; Dezi sv (8’pt Del Grande 6) Carratta 6 Censori 6; Schenider 6,5 (27’st Garaffoni sv) Campagnacci 7,5 Maritato 6 (39’st Bebeto sv). A disp.: Gasparri, Faragalli, Pucello, Mariani. All.: Bitetto.
ARBITRO: Bagalini di Fermo.
MARCATORI: 33′ pt Schneider (GIU); 29′ st Bettini (V); 36′ st Campagnacci (GIU)
NOTE: spettatori 675 per un incasso di 3.855 euro. Amm: Maritato, Vinetot e Censori (GIU); Cipolla e De Angelis (PE). Recuperi: 5′ pt, 4′ st. Angoli: 4 a 3 per il Pescina.

Portogruaro-Foggia: (1-1)
: Occasione persa per la squadra di Calori che non è riuscita ad allungare e per poco rischiava di perdere contro un Foggia ben messo in campo e pronto a dar battaglia per una salvezza ancora lontana. Gli ospiti si sono difesi con ordine, riuscendo a passare in vantaggio con un colpo di testa del gigante Burzigotti, abile ad anticipare tutti sul corner perfetto di Mancino. Il pareggio della capolista arriva a dieci minuti dal termine con Espinal che premia il forcing dei granata scartando Di Deo e depositando in rete. Portogruaro sempre primo, Foggia sulla buona strada per una salvezza alla portata di Mancini e soci. Il tabellino:
PORTOGRUARO (4-3-1-2): Rossi 6; Cardin 5 Gargiulo 6,5 (1′ st Gardella 6) Madaschi 5,5 Gotti 6,5; Puccio 6,5 (20′ st Scapuzzi 5) Mattielig 4 Espinal 6; Cunico 6; Altinier 6 Marchi 7 (26′ st Bocalon sv). A disp.: Marcato, Pondaco, Fusciello, Romano. All.: Calori.
FOGGIA (4-3-3): Milan 7; Carbone 6 Burzigotti 7 (34′ st Torta sv) Di Dio 6 Sgambato 5,5; Mancini 6,5 Agnello 6 Colomba 5 (14′ st Velardi sv); Millesi 6 Morini 6 (22′ st Ceccarelli sv) Desideri 5,5. A disp.: Bindi, D’Agostino, Trezzi, Caraccio. All.: Ugolotti.
ARBITRO: Irrati di Pistoia.
MARCATORI: 17′ st Burzigotti (F), 35′ st Espinal (P).
NOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 1.500 circa. Amm: Agnelli (F), Altinier (P), Di Dio (F), Mattielig (P), Desideri (F), Ceccarelli (F). Angoli: 9-8 per il Foggia. Recupero: 2′ pt, 5′ st.

Ravenna-Marcianise (1-1): Dopo tre vittorie consecutive si ferma a Ravenna la corsa di un Marcianise che al momento è fuori dalla zona play out. La rete del vantaggio dei campani arriva nella prima frazione ad opera di Tomi, esterno col vizio del gol. Il pareggio del Ravenna, firmato da Ciuffitelli a dieci minuti dal termine, spezza una serie negativa che ha portato i giallorossi a soli due punti dalle zone calde della graduatoria. E domenica prossima gli uomini di Soda saranno ospiti al San Vito di un Cosenza che cerca la salvezza anticipata. Il tabellino:
RAVENNA (4-4-2): Rossi 7; Rizzo 6 Ciuffetelli 7 Fasano 6 Sabato 6 (38′ st Biserni sv); Rossetti 6 (8′ st Cavagna 6) Sciaccaluga 6 Giordano 6 (28′ st Correa 6,5) Toledo 6,5; Piovaccari 6 Gerbino Polo 6. A disp.:Meneghetti, Squillace, Packer, Scappini.All.: Soda.
REAL MARCIANISE (4-2-3-1): Fumagalli 6,5; Piscitelli 6 Porpora 6,5 Filosa 6 Tomi 7; D’Ambrrosio 6 Alfano 6 (39′ st Di Napoli sv); Manco 6 Della Ventura 6,5 Galizia 6 (43′ st Murolo sv); Poziello 5 (47′ st Tedesco sv). A disp.: Mezzacapo, Ciano, D’Apice, Montanari. All.: Boccolini.
ARBITRO: Sguizzato di Verona.
MARCATORI: 21′ pt Tomi (RM); 36′ st Ciuffetelli (RA).
NOTE: 1.402 gli spettatori pagamti. Incasso non comunicato. Amm: Porpora e Dalla Ventura (RM); Correa (RA). Angoli: 13-4 per il Ravenna. Recuperi: 3′ pt; 5′ st.

Rimini-Potenza (2-0): Un gol per tempo e la pratica Potenza è archiviata per un Rimini che crede sempre di più al sogno playoff. La rete di Nolè, vero e proprio trascinatore dei padroni di casa ha spianato la strada al Rimini che nella ripresa ha raddoppiato su un penalty trasformato da Frara. La Ternana è ad una sola lunghezza e il sogno play off diventa sempre più una realtà da conquistare nelle ultime tre giornate. Il tabellino:
RIMINI (4-3-3): Pugliesi 6; Catacchini 7, Vitiello 6, Lebran 6, Regonesi 6; Marchi 6, Malaccari n.g. (21′ pt D’Antoni 6.5), Frara 6.5; Nolè 6.5 (30′ st Baccin n.g.), Longobardi 6.5 (36′ st Matteini n.g.), Tulli 5.5. A disp.: Migani, Rinaldi, Giacomini, Morante. All.: Melotti.
POTENZA (5-3-2): Della Corte 7; Berardi 6, Chiavaro 5.5, Taccola 5, Barbato 5.5, Frezza 5.5; Profeta 5 (1′ st Nappello 6), De Simone 5.5 (17′ st Giannusa 5.5), Evangelisti 6; Prisco 5.5, Magliocco 5 (29′ st Aquino n.g.). A disp.: Di Matteo, Langella, Mazzetto, Porcaro. All.: Capuano.
ARBITRO: Bergher di Rovigo 6.
MARCATORI: 35′ pt Nolè, 4′ st Frara (rig.).
NOTE: spettatori paganti 689, abbonati 1153 per un incasso totale di 17.975 euro. Amm: Barbato (P), Taccola (P), Regonesi (R). Calci d’angolo 6-4 per il Rimini. Recuperi: pt 3′; st 4′.

Spal-Verona (1-1): Pareggio giusto in un match fondamentale per il cammino degli scaligeri. La Spal ha giocato bene dimostrando di meritare una salvezza costruita nel girone di ritorno ed ha trovato il pareggio al termine del match con una rete di Meloni. Il Verona era passato in vantaggio con un bel gol di Selva ma la squadra scaligera nelle ultime giornate ha perso lo smalto che aveva consentito al team gialloblù di portarsi saldamente in vetta alla classifica. Il vantaggio ora è stato sperperato e Portogruaro e Pescara sono pronte a contendere il primato alla squadra di Remondina. Il tabellino:
SPAL (4-4-2): Capecchi 7; Ghetti 6,5 Zamboni 7 Bortel 6 Smit 6,5; Quintavalla 6,5 (28 st Bazzani 6) Bedin 6 Schiavon 6,5 Rossi 7 (35 st Migliorini sv); Valtulina 6,5 (21′ pt Meloni 6,5) Cipriani 7. A disp.: Ioime Licata Pedruzzi Marongiu. All.: Notaristefano.
VERONA (4-3-3): Rafael 7; Cangi 6 Ceccarelli 6,5 Anselmi 6,5 (42′ st Massoni sv) Pugliese 6; Russo 6 Esposito 6,5 Pensalfini 6; Ciotola 6 (22′ st Farias 6) Selva 7 (31′ st Di Gennaro 6) Berrettoni 6,5. A disposizione: Ingrassia Campagna Garzon Dalla Bona. All. Remondina.
ARBIRO: Baratta da Salerno.
MARCATORI: 22′ st Selva (V), 45′ Meloni (S).
NOTE: 1′ silenzio in memoria delle vittime del disastro ferroviario in Val Veniosta. Spettatori 3.061 con 20 veronesi nella gradinata ospiti, incasso di23.766,71 compresa la quota di 13.689,71 per 1.937 abbonati. Amm:. Zamboni, Bedin. Angoli 8 a 5, recuperi pt 2′, st 7′ .

Taranto-Lanciano (1-1): Continua l’astinenza da vittorie per i pugliesi che da più di due mesi non trovano il successo. Contro il Lanciano la gara era iniziata bene per i rossoblù, subito in vantaggio con Ferraro, abile a sfruttare un assist di Falconieri fra i fischi del pubblico di Taranto, in aperta contestazione. La doccia fredda però arriva al 38’ con la rete di Moi che da distanza siderale fulmina Bremec. Nel finale espulso Migliaccio per un Taranto nervoso che rischia di cadere nell’inferno dei play out. Il tabellino:
TARANTO (4-4-2): Bremec 6; Imparato 6 Migliaccio 5 Prosperi 6 Colombini 6; Di Roberto 5,5 Giorgino 6,5 Rajcic 6,5 (20’st.Quadri 5), Cuneaz 7 (30’st.Russo sv); Falconieri 5, Ferraro 6,5 (25’st.Corona 5,5). In panchina: Barasso, Bolzan, Taulo, Triarico Allenatore: Passiatore.
LANCIANO (4-4-1-1): Aridità 6,5; Colombaretti 6 Moi 6,5 Antonioli 6 Mammarella 5,5; Turchi 5 (1’st.Vastola 6), Amenta 6 (13’st.Aquilanti 5,5), Di Cecco 6, Zeytulaev 5 (27′ Improta 5); Sansone 5,5; Colussi 5,5. In panchina: Bellucci, Coppini, Oshadogan, Sinigaglia Allenatore: Pagliari
ARBITRO: Merlino di Udine.
MARCATORI: 8’pt Ferraro (T), 38’pt Moi (L)
NOTE: Spettatori 4000 circa, con sparuta rappresentanza ospite; Espulso: 45’st. Migliaccio (T) per doppia ammonizione. Amm: Prosperi (T), Moi (L), Mammarella (L), Migliaccio (T), Vastola (L). angoli 7-2 per il Lanciano, rec. 1’pt, 4’st     (f.p.)

Related posts