Tutte 728×90
Tutte 728×90

Che domenica per gli ex-Cosenza!

Mortelliti condanna il Catanzaro, capitan Parisi salva l’Aversa. In serie D Lio e Cosa lanciano la Vigor Lamezia di Marulla verso i playoff. Moschella-gol col Sambiase.

capitan_parisi

Nello Parisi, vecchio capitano dei Lupi

In giro per l’Italia almeno c’è un pizzico di rossoblù che gioisce. Il Cosenza ha conquistato la salvezza a Portogruaro al termine di un campionato da cancellare e sta pensando già alla prossima stagione. Nel frattempo calciatori che hanno contribuito a rilanciare i Lupi nel calcio professionistico gioiscono altrove. Partiamo dal Ceravolo. Per carità, nessuno indossa il giallorosso. Si giocava Catanzaro-Brindisi e alle aquile servivano i tre punti per tallonare la Juve Stabia. Longoni illude tutti poi ci pensa un vecchio idolo del San Vito. Ciccio Mortelliti entra dalla panchina e di testa fa gol: tutti a casa e stabiesi in Prima divisione. Per il fantasista messinese  la rete avrà avuto di certo valenza doppia. Attenzione pure a Nello Parisi, il capitano di mille battaglia con la fascia al braccio. Ci pensa lui ad agguantare la Vibonese con un tap-in da due passi. Aversa Normanna salva ad una giornata dal termine. La settimana scorsa Gigi Marulla (vedasi la definizione della parola “calcio” sui vocabolari di ogni tifoso silano) ha preso il posto di Pino Rigoli sulla panchina della Vigor Lamezia. Bene all’esordio, benenissimo il bis. A Palazzolo i biancoverdi s’impongono per 5-3 con doppietta di Vincenzo Cosa (che sbaglia anche un penalty) e con una solita meravigliosa punizione di Tony Lio. Infine sorride anche il Sambiase con Ivan “dinamite” Moschella. Il capitano dei giallorossi brucia le mani al portiere del Nissa con uno dei suoi calci piazzati a cento all’ora. (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it