Tutte 728×90
Tutte 728×90

Berretti: finisce il sogno del Cosenza. Il Benevento (2-0) è troppo forte

Berretti: finisce il sogno del Cosenza. Il Benevento (2-0) è troppo forte

Ai lupacchiotti di Petrucci bastava un punto per accedere alla fase successiva, ma contro i Campioni d’Italia in carica c’è stato poco da fare. Colpito un palo.

4_-_lorganico_del_cosenza

L’organico del Cosenza Berretti

E’ finito sabato scorso il cammino del Cosenza Berretti che ha disputato una stagione straordinaria mettendo in mostra elementi interessanti come Salandria, Martino, Viscardi e Sommario. I rossoblù hanno ceduto l’intera posta in palio al Benevento che così, a punteggio pieno è passato alla fase successiva dei playoff. I Campioni d’Italia in carica hanno liquidato la pratica con un secco 2-0. Un gol per tempo da parte dei giallorossi di Danilo Pileggi. Il Benevento ha sfruttato una migliore tenuta fisica per avere ragione di un Cosenza che durante la prima mezz’ora ha retto bene il campo, pressando forte e provando a sfondare soprattutto a destra.
Il Cosenza, forte di qualche giorno in più di riposo, ha avuto un approccio migliore alla gara e ha iniziato subito a dettare i tempi del gioco. Prima occasione con Gagliardi che ha calciato una punizione dai venticinque metri, Scrugli ci metteva la testa ma mandava fuori giri Zotti. Provvidenziale il montante che ha evitato la segnatura dei silani. Il Benevento ha risposto con un paio di conclusioni dalla distanza di De Risio e Falzarano e con Saturno che su angolo di De Risio ha concluso in solitudine al centro dell’area. Ad evitare il peggio è stato FIlippo. Al 43′ Benevento passava. Poli ha calciato una punizione dalla sinistra, Sposato svirgolava la sfera ed alzava un campanile che era un invito a nozze per l’imperioso stacco di Andrea Scrugli che bruciava l’uscita di Galeano e lo beffava con un tocco a pallonetto che varca la linea di porta. Nella ripresa il Cosenza calava con il passare dei minuti ma riusciva a tenere in bilico il punteggio fino alla mezz’ora della ripresa. Al 76′ giù il cappello per Carlo De Risio. Il biondo centrocampista sannita mandava al bar il marcatore con una spallata e se ne andava soletto a depositare la sfera in fondo al sacco con un tiro a giro sul palo lontano. Un’altra prodezza del diciannovenne giallorosso, altro prodotto di assoluto livello dell’infinita “cantera” sannita.

Il tabellino:
BENEVENTO-COSENZA 2-0
BENEVENTO: Zotti, De Nigris, Poli, Agyiriba, Ciampi, Scrugli, Ciampi, Scrugli, Luzzi, De Risio (78′ Maddaloni), Saturno (85′ Buonaiuto), Falzarano, Pellicoro (49′ Simone). A disp.: De Filippo, D’Angelo, Stillitano, Cioffi. All. Pileggi
COSENZA: Galeano, Micieli, Filippo (55′ Carlucci), Sposato, Viola, Marchio, Martino (70′  Zanfini), Sommario, Viscardi, Salandria, Gagliardi (65′ Angelico). A disp.: Muto, Longobucco, Di Martino, Ruffolo. All. Petrucci
ARBITRO: Moretti di Bari
ASSISTENTI: Savella di Barletta – Grillo di Molfetta
MARCATORI: 43’pt Scrugli; 76’st De Risio
NOTE: giornata calda, fondo di gioco in sintetico. Spettatori 300 circa. Ammoniti: Luzzi e Simone del Benevento, Micieli del Cosenza. Angoli: 7-1 per il Benevento. Recupero: pt 0′ – st 2′.

 

Related posts