Tutte 728×90
Tutte 728×90

L’ultimatum di Iannucci ai soci: “Chiarezza o mi dimetto”

L’amministratore delegato del Cosenza: “Il 4 giugno all’assemblea voglio tutti presenti. Bisogna azzerare le perdite e ricapitalizzare, poi programmare la prossima stagione con un budget importante” 

iannucciL’amministratore delegato del Cosenza Calcio Francesco Iannucci è visibilmente contrariato. A lui questi continui rinvii dell’assemblea straordinaria dei soci non piacciono per niente e non fa più nulla per nasconderlo. “Ho convocato l’assemblea straordinaria dei soci – afferma – per venerdì prossimo 4 giugno per l’azzeramento delle perdite e la ricapitalizzazione. E sopratutto per la programmazione della stagione 2010/2011. Voglio sottolineare che l’ultimo rinvio è da imputare esclusivamente alla mia assenza per improrogabili motivi di lavoro. Ma l’assemblea del 4 giugno non sarà più rinviata, avete la mia parola. Il 4 giugno nessuno potrà più “scappare”, considerata l’importanza che abbiamo voluto dare all’ordine del giorno . E’ per questo che invito tutti i soci a partecipare per prendere le opportune decisioni”. Iannucci va giù duro: “Mi appello al senso di responsabilità di tutti i soci, sia nei confronti degli altri rappresentanti della società, della città e  soprattutto della tifoseria. Non è possibile che alle riunioni ormai partecipino soltanto Carnevale  e Pagliuso, oltre al sottoscritto. Io devo essere in grado di sapere chi intende proseguire questa esperienza e su quanto potrà contare la società come budget per il rafforzamento della squadra». L’appello dell’amministratore delegato è rivolto principalmente a Franco Salerno, Umberto De Rose e Nicola Gaetano ovvero ai soci che non stanno più partecipando alle riunioni della società. Ma c’è anche un passaggio più “sottile le” perché, se dovesse trovare conferma il disimpegno totale dei tre soci, allora dovremmo capire in che percentuale i due soci di maggioranza del Cosenza calcio ovvero Giuseppe Carnevale e Luca Pagliuso, intenderanno contribuire alla ricapitalizzazione. «Se il prossimo 4 giugno non vedrò chiarezza – scandisce Iannucci- sia in un caso sia nell’altro sono pronto a dimettermi. Non voglio prendere in giro nessuno. Sia chiaro». co.ch.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it