Tutte 728×90
Tutte 728×90

Basket A2 F – Di Gregorio e Del Monaco per la Calabra Maceri

Inizia a muoversi il mercato della squadra rendese di coach Lopez. Intando si attende di sapere da Parma la decisione su Linda Manzini

manzini_in_campoCome anticipato nei giorni scorsi la Calabra Maceri Rende non perde tempo e si è messa già al lavoro per la prossima stagione. Formare il roster quest’anno non sarà facile, ma la società rendese del presidente Umberto Vivona lovora con grande spirito. Coach Lopez è da subito attivo, e già lavora in palestra con parte delle sue ragazze per l’anno prossimo. Per quento riguarda la formazione tecnica del roster si cercherà di allestire una squadra formata da giovani atlete con tanta fame di arrivare. Dopo gli addii di Di Battista e Granieri, la società ha confermato il capitano Francesca Strano e la giovanissima Federica Monaco.
Si sta facendo inoltre di tutto per trattenere a Rende anche Linda Manzini che però aspetta l’ok di Parma, società che detiene il cartellino della giovane nazionale under 20. Manzini restando a Rende avrebbe una grande opportunità a sua disposizione, giocre in pratica 40 minuti con la possibilità di mettersi sempre più in mostra. Intando ieri si sono visti all’opera quelli che dovrebbero essere i primi due innesti per la prossima stagione. La prima è Clara Del Monaco, guardia di 176 cm classe 1988. La ragazza nelle ultime due stagioni ha giocato a Siena non trovando molto spazio e sembra decisa nello scegliere Rende come trampolino di lancio. Altra giovanissima che si allena da ieri agli ordini di coach Lopez è Roberta Di Gregorio, altra guardia classe 1988. Proviene dal Porto San Giorgio ed è stata compagna di Linda Manzini in qualche stage della nazionale Under 20. Ma non finisce qui. Dopo aver sbagliato per almeno un paio di volte la scelta della giocatrice straniere, la Calabra Maceri questa volta non vuole proprio commettere errori e per questo si sta muovendo con molta serietà. Nelle mire del club rendese è finita l’ungherese Edina Urmos, ala/pivot di 185cm classe 1986. Dando uno sguardo al suo score personale realizzato con la maglia del Cervia ci si accorge che è una giocatrice di assoluta affidabilità. Nello scorso campionato di A2 nel girone A, la ragazza ungherese ha viaggiato con una media di 15,3 punti a partita conditi da 11 rimbalzi.  Numeri importanti questi per una giocatrice che dovrà essere un punto femro nello scacchiere biancorosso. Al momento all’appello mancherebbero solo due o tre pedine. Innanzitutto un play capace di gestire la squadra. La società qui avrebbe già puntato la givanissima barese Caressa, classe 1991, un’atlteta dal sicuro avvenire ma al momento non sembra facile arrivarci. Poi servirà una lunga da affiancare a Strano e possibilmente Urmos. A quel punto basterebbe poco per chiudere il roster per la stagione 2010/2011. Insomma per le mani coach Lopez non avrà certo una corazzata, ma di sicuro una squadra che si suderà ogni punto in ogni partita. (co.ch)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it