Altri Sport

Cosenza Pallavolo, Sposato punta tutto sul settore giovanile

Il dirigente della formazione femminile pone le basi per il futuro e spera che lo spareggio del 13 giugno possa spalancare le porte della serie D.

pallavolo_femminle_u16

Le ragazze della Pallavolo Cosenza

La Cosenza pallavolo non è solo la prima squadra, certamente può vantare uno dei settori giovanili di maggior spessore a livello regionale, e quando si parla di settore giovanile non va inteso il solo settore maschile. Anche a livello femminile da un po’ di anni, i risultati cominciano ad accumularsi, ed è tanta la curiosità di andare a scoprire quanti lavorano dentro questo settore e farci raccontare come si lavora e quanto, appresso alle ragazze. A tal proposito abbiamo sentito uno dei responsabili della struttura per tracciare un bilancio dell’annata non ancora conclusa e per chiedere le prospettive future di questo settore. Abbiamo incontrato Umberto Sposato, uno dei tre dirigenti addetti a questo settore.  

Da quanto tempo è nato e come è strutturato il settore femminile?

Il settore femminile è  nato dalla felice intuizione del nostro Presidente, il Notaio Amato, più di cinque anni fa, anche perché a suo modo di vedere, il gruppo di ragazze che frequentavano e frequentano il Centro Avviamento allo Sport, dovevano avere uno sbocco a livello agonistico, e non disperdere un patrimonio alla fine del ciclo del Centro. 

Quanta gente gravita intorno al settore?
Siamo in 3 dirigenti addetti esclusivamente al settore femminile, io, l’avv. Tommaso Corigliano e il sig. Simari Benigno Antonio, ma godiamo del supporto comunque degli altri dirigenti della società, nonché a livello tecnico, oltre a quelli che lavorano nel CAS, che segnalano e trasferiscono gli elementi più promettenti all’unico tecnico che è Paola Costanzo, che si sobbarca di un lavoro immane, praticamente è in palestra dal lunedì al venerdì. 

Ci può  tracciare un bilancio della stagione appena conclusa?

Decisamente la stagione per noi non è ancora finita, anzi tutt’altro, abbiamo ancora un importantissimo impegno probabilmente il 13 giugno prossimo. Lo spareggio per raggiungere la serie D. Un traguardo importante per le ragazze ma soprattutto per il lavoro, la competenza e i sacrifici che sta facendo il nostro Tecnico Paola Costanzo, alla quale si devono gli enormi progressi di questo gruppo. Anche perché nei tre anni in cui le ragazze le sono state affidate, abbiamo sistematicamente ogni anno migliorato i risultati. Quest’anno siamo arrivati secondi sia nell’Under 16 che nell’under 18, e sempre dietro una società come il Castrovillari, che ha nel settore giovanile il suo fiore all’occhiello e che può permettersi di schierare nelle varie squadre, ragazze che occupano stabilmente il posto in prima squadra in Serie C, mentre l’under 14 ha cominciato la sua crescita solo da quest’anno e i frutti li vedremo più in la. 

Quindi si può parlare di una stagione soddisfacente?

Certamente, come dicevo prima, la stagione è stata estremamente soddisfacente, anche se resta il rammarico forse, di aver buttato via il campionato di Prima divisione, con una sciagurata partita a Rossano, dove niente ha funzionato e dove sembravamo alla prima partita in assoluto. Ma del resto succede nel corso dell’annata, e determinati passaggi a vuoto bisogna anche metterli in conto, anche perché eravamo delle matricole nel girone e non partivamo certo con i favore del pronostico, anzi tutt’altro, eravamo partiti per salvarci, ma come ben sa, l’appetito vien mangiando, perché, come dicevo prima ci resta questa carta dello spareggio da giocarci e speriamo di concludere nel migliore dei modi la stagione. 
Quindi resta questo l’unico rammarico? 
A livello sportivo forse si, è dal lato economico che le dolenti note non mancano, perché, si è pur vero che nella crisi generale che si vive, è difficile reperire fondi per qualsiasi cosa, però è frustante girare per raccogliere qualche sponsor, e vedersi dappertutto chiudere le porte in faccia, perché siamo uno sport “minore”, mentre finanche nei tornei parrocchiali trovi le squadrette di ragazzini, griffati e sponsorizzati, mentre noi dobbiamo sostenerci da soli facendo sacrifici su tutto e non potendo neanche riuscire a dare un minimo di rimborso a chi come la nostra allenatrice fa a volte anche più sacrifici di noi. 

Prospettive per la prossima stagione?

Ripartiremo da un gruppo consolidato, sperando di raggiungere l’obbiettivo della Serie D nello spareggio, se dovesse andare male lo spareggio, non ne faremo un dramma tutt’altro, certo la promozione sarebbe la classica ciliegina sulla torta a completamento di una bella stagione. Sperando poi di trovare, quegli sponsor che ci possano supportare in modo di affrontare con la tranquillità economica la stagione ventura, dove cercheremo di migliorare tutti i risultati ottenuti quest’anno. 

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina