Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carnevale: “Resteremo solo io e Pagliuso. Oliverio? Non possiamo aspettare”

Carnevale: “Resteremo solo io e Pagliuso. Oliverio? Non possiamo aspettare”

Il numero uno del club rilascia importanti dichiarazioni sul futuro prossimo del club. Si rinforzerà la partnership con il general manager. “Avremo il 97%”.

carnevale

Il presidente del club Peppino Carnevale

Peppino Carnevale ha salvato per la terza volta il calcio cittadino dopo che nelle ultime due occasioni aveva rappresentato l’unica ancora di salvezza per il Cosenza invocante aiuto da ogni parte. “Ho rinnovato ancora il mio impegno al fianco dei rossoblù – dice – Vorrei disimpegnarmi, ma non potrà avvenire per il bene della collettività. Abbiamo intenzione di partecipare al girone di Prima divisione con tutte le buone intenzioni, ma per cortesia non parliamo di budget. Siamo quattro soci, di cui due a breve avranno il 97%. Mi riferisco a me e a Luca Pagliuso: non c’è altra soluzione. Non è un accaparramento di quote, ma un obbligo che due persone serie si accolleranno. Nessuno, tranne noi, ha dimostrato affetto e vicinanza al Cosenza. Qualcuno vuole snervarci anziché starci vicino. Noi tiriamo avanti soltanto con la finalità del Cosenza, è evidente, lo dicono i fatti di ieri. Non abbiamo vicino nessuno, solo il presidente della Provncia Oliverio”. Poi il numero uno del club dai microfoni di Rlb si toglie qualche sassolino dalla scarpa. “Chi vuole ostacolarci lo fa pensando ad una debolezza presunta. A cosa porti non ne ho idea. Non ci sono incassi da dividere, semmai oneri da distribuire”. Questo il commento sull’assemblea dei soci. “Ieri sono venuti meno due pezzi importanti che hanno fatto sapere che di non volere ricapitalizzare. Faremo un progetto serio su giovani interessanti e di qualità con qualche innesto di gente matura che ci possa permettere di andare allo stadio con tranquillità. Ho aquisito il 2,5% di De Rose che doveva ricapitalizzare dall’anno scorso. Allora sono stato costretto io a farlo per lui, altrimenti si sarebbe rinviato ulteriormente l’appuntamento con notaio Gisonna”. Ultimo e più atteso capitolo riguardante i rumors sull’Oliverio romano. “”Non c’è un’offerta ufficiale, ma non chiudiamo porta in faccia a nessuno. Al momento siamo agli albori e aspettiamo l’evolversi della situazione. Termine ultimo? Non si può temporeggiare dinanzi a chi dovrebbe darsi una mossa. Noi non possiamo restare fermi in attesa che qualcuno si smuova, quindi da lunedì ci adopereremo per allestire l’organico. Ieri ho parlato con Oliverio e gli ho detto che noi procederemo per la nostra strada. Non possiamo aspettare che le cose maturino per gli altri e non per noi. Ad ogni modo è una persona degnissima. Il suo passato non mi spaventa perché al giorno d’oggi è facile finire sotto imputazione. E’ stato semplicemente il teste in uno processo”. (co. ch.)

Related posts