Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carnevale tuona: “Le decisioni spettano a chi mette mani al portafogli”

Il presidente fa sentire la sua voce ammettendo l’incontro di ieri sera con gli emissari di Oliverio (“potrebbero darci una mano”) e spiegando la faccenda-Toscano. Poi lascia partire pesanti bordate verso Iannucci che risponde.

giuseppe_carnevale_foto_mannarino

Il presidente dei Lupi Carnevale

Il presidente Carnevale ha voluto fare chierezza sull’attuale momento che attraversa il Cosenza Calcio. Da una parte sono sempre più frequenti gli incontri con l’imprenditore Oliverio e i suoi emissari, dall’altro invece si è registrato di fatto un avvicinamento con Mimmo Toscano. “E’ un tecnico che stimiamo e ribadisco ancora una volta che l’esonero derivò dalla volontà, condivisa da tutti quanti nessuno escluso, di dare una scossa alla squadra”. Qualcuno gli fa notare che un suo ritorno intaccherebbe gli equilibri societari fornendo di nuovo un grande potere a Mirabelli e diminuendo l’autorità sua e del general manager. “Non ci sono di questi problemi – spiega  a Balla coi Lupi – Ancora niente è deciso perché stiamo facendo tanti incontri preliminari. Perchè non si è parlato di Toscano sin da subito? Perché in presenza di determinate situazioni preferivamo guardare al nazionale”. La traduzione delle parole del patron è di facile interpretazione e rimanda ad un aspetto economico che è strettamente legato all’affaire con Oliverio. “Confermo i contatti di ieri sera con suoi emissari calabresi. Abbiamo cenato a San Marco Argentano e c’era anche Luca Pagliuso. Assieme rappresentiamo l’89% della società, credo una percentuale abbastanza autorevole. Una cessione? Ci sono degli amici che vogliono condividere il progetto e potrebbero darci una grossa mano. Nei prossimi due o tre giorni ci incontreremo e vedremo il da farsi. Nel frattempo, per quanto riguarda il progetto tecnico, ci stiamo guardandoa attorno e Mimmo Toscano ha la nostra stima”. L’ultima battuta dedicata a Iannucci che poco dopo su Rlb gli ha risposto di volere un Cosenza per i cosentini o per gente seria che non faccia interessi personali. “Alcune esternazioni danno fastidio – conclude il patron – L’ad parla dei soci, ma lui non è un socio. Che sia stato abbagliato o meno in passato, deve lasciare lavorare chi sta procedendo per la strada che reputa più giusta. Le decisioni spettano soltanto a chi mette mano al portafogli. Chi parla gratuitamente mi fa ridere”.   (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it