Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, anche Gaglioti entrerà in società col 5% di quote

Cosenza, anche Gaglioti entrerà in società col 5% di quote

Il presidente della Cameradi Commercio dice sì a De Rose. Pronti altri 10 imprenditori e Luca Pagliuso potrebbe ridimensionare il pacchetto di quote in suo possesso.

gaglioti1_media

Giuseppe Gaglioti
presidente Camera di commercio

 Quella di ieri è stata una giornata campale per il presidente di Confindustria Calabria, diviso su più fronti per la sua normale attività di lavoro, per gli impegni della sua carica istituzionale e per il Cosenza calcio. Già una decina di imprenditori hanno aderito al progetto e De Rose non si ferma perché ha già detto che più adesioni riceverà, più possibilità ha il Cosenza di allestire una squadra competitiva per il prossimo campionato. il progetto De Rose, come si è detto ieri, è quello di creare una società “complessa” ovvero orizzontale, con tanti imprenditori possessori di piccole quote. La filosofia è semplice: Carnevale detiene il 46% delle quote? E allora si cerca di trovare nove imprenditori che se le accollino, ognuno col 5% che poi significa concretamente circa 50 mila all’anno. L’unico nome nuovo che il quotidiano Cosenza Sport è riuscito a strappare ad Umberto De Rose è quello di Pino Gaglioti, presidente della Camera di Commercio cosentina. Già lo scorso anno Gaglioti si impegnò con la società Cosenza calcio per cercare di allargare la base societaria.  Poi la scelta però finì sul solo Carnevale. Questa volta il presidente della Camera di Commercio ha deciso in prima persona di buttarsi nella mischia, e anche lui farà parte integrante del progetto. Ieri pomeriggio intanto De Rose ha incontrato di nuovo Luca Pagliuso e Massimo Mirabelli. Ai due ha esposto gli ultimi sviluppi del suo progetto che conta al momento una decina di imprenditori già con l’ok e un’altra decina in attesa di risposta. E la base societaria potrebbe allargarsi così tanto che servirebbe trovare altre quote e non solo quelle di Carnevale. Per questo De Rose ha chiesto a Luca Pagliuso di ridimensionare il 43,5% in suo possesso e permettere così di “chiamare alla armi” altri imprenditori. Il general manager del Cosenza sembra aver accettato immediatamente e anche di buon grado. Insomma si va verso una base societaria di 20/30 persone dove ognuno avrà lo stesso peso dell’altro. Manca ancora la figura che possa ricoprire la carica di presidente visto che al momento De Rose non vuole sovrapporla alla carica istituzionale che ricopre. Presto però si scioglierà  anche questo nodo e di sicuro a ricoprire la carica numero uno della società sarà un personaggio carismatico. Tutto pronto dunque con le sorti tecniche affidate al trio Pagliuso-Mirabelli-Toscano che dovranno a questo punto pensare solo alla squadra. (co.ch)

Related posts