Tutte 728×90
Tutte 728×90

Trofeo delle Regioni. Calabria maschile, forte anche quando la “sfortuna” rema contro

I ragazzi calabresi giocano e lottano su ogni palla:  battuta una forte Emilia Romagna

FASE 2 
Gara 1: EMILIA ROMAGNA – ABRUZZO: 3-0 (25-16, 25-12, 25-19)
Gara 2: CALABRIA- ABRUZZO: 3-0 (26-24, 21-25, 25-14)
Gara 3: EMILIA ROMAGNA – CALABRIA: 1-2 (17-25, 25-23, 20-25)

La Calabria maschile, guidata da Mister Giacomo Bozzo, è la squadra del giorno: si classifica la primo posto del “Girone C1”, grazie alle due vittorie ottenute nella bella palestra del Liceo scientifico di Rossano contro Abruzzo ed Emilia Romagna. Il pomeriggio era cominciato con una “normale” vittoria degli emiliani contro l’Abruzzo. Poi, come da regolamento, l’Emilia si sistemava in tribuna e la perdente, l’Abruzzo affrontava la terza squadra del girone, la Calabria.
Topa e compagni partivano molto frenati, ma a metà set mettevano ordine nel loro gioco e passavano avanti. I ragazzi abruzzesi, però, riuscivano a riportarsi in parità ed il successo del parziale arrivava solo ai vantaggi, grazie ad alcune belle giocate d’attacco di Ruggero e Pacifico. Buono il livello nel secondo set, mentre la situazione era nettamente a favore della Calabria nel terzo: il punteggio di 25-17 parla chiaro.
Ed ecco l’incontro più atteso, fra Emilia Romagna e Calabria. Ma le cose non si incanalavano come la storia del Trofeo delle regioni poteva far sembrare “ovvio”: la Calabria di quest’anno, come gli addetti ai lavori avevano immaginato, è un osso davvero duro da mandar giù. L’Emilia lo provava sulla propria pelle: 25-17 e tutti in panchina! Nel secondo parziale, però, la sfortuna sembrava volerla fare da padrona, prendendo le sembianze di due arbitri davvero in pessima giornata: alla fine della gara, saranno ben undici le situazioni “molto controverse” che hanno riempito il taccuino di chi scriveva in tribuna, osservatori compresi.
Comunque, giuste o non giuste che fossero le lamentele, la squadra emiliana faceva il proprio gioco sul campo, pensando a giocare testa a testa con i padroni di casa. Anche il set ball arrivava con un punto che i calabresi contestavano, cosicché il terzo parziale partiva con il punteggio di 1-0 per l’Emilia Romagna a causa delle proteste dei giocatori calabresi. Nonostante ciò, la Calabria non mollava e riusciva in quest’impresa, davvero insolita: talmente insolita da portare ad un curioso equivoco sul sito internet.
Per molti minuti, infatti, risultava che fosse l’Emilia ad aver vinto la gara sul punteggio di due set ad uno. Resta da verificare e chiarire un piccolo “giallo”: chi è stato ad aver telefonato dal campo al quartier generale del Trofeo per lamentare un comportamento “facinoroso” da parte del pubblico di casa, che da “parte lesa”, diciamo così, verrebbe messo sul banco degli imputati. Siamo certi che l’equivoco verrà chiarito: presto e bene.

Sergio Lionetti – Addetto stampa TDR 2010 Calabria

Related posts