Tutte 728×90
Tutte 728×90

La strage della Covisoc: escluse venti società di Lega Pro

Si salvano Salernitana e Cavese. Scompaiono invece Arezzo e Real Marcianise. Macalli duro: “Abbiamo pagato il nostro tributo di sangue. Mi preoccupa chi si è iscritto e non ha un euro”.

nuovo_pallone_legaproVentuno squadre (l’Ancona in Serie B e 20 in Lega Pro) sono uscite dal sistema. “Abbiamo pagato un tributo di sangue” ha detto Mario Macalli. “E’ una situazione che noi denunciamo da 2-3 anni. Previsioni? Il prossimo anno sarà peggio. Anche quelle squadre che sono riuscite ad iscriversi, non so se in futuro avranno un euro. E’ una situazione inaccettabile, per questo il consiglio federale mi ha concesso la delega da subito per la riforma dei campionati”. Il Consiglio federale ha, infatti, esaminato ieri i ricorsi presentati il 10 luglio dai club di Prima e Seconda Divisione della Lega Pro esclusi temporaneamente dal campionato dopo la verifica Covisoc conclusa il 7 luglio. E’ stato deciso quali società non ammettere in modo definitivo dai tornei di competenza. Ecco il quadro completo delle 20 escluse. Si tratta di 7 club di Prima Divisione e 13 di Seconda Divisione. Eccole nell’ordine:

PRIMA DIVISIONE
Escluse: Gallipoli, Mantova, Perugia e Rimini, Arezzo, Marcianise e Figline
Salve: Salernitana, Cremonese, Cavese, Foggia, Spal, Triestina e Viareggio,
SECONDA DIVISIONE
Escluse: Itala San Marco, Monopoli, Pescina VdG, Scafatese, Alghero, Cassino, Legnano, Manfredonia, Olbia, Potenza, Pro Vasto, Pro Vercelli e Sangiustese.
Salve: Paganese, Gubbio, Chieti, Crociati, Fondi, Gavorrano, Milazzo, Montichiari, Prato, Rodengo Saiano, Sangiovannese e Villacidrese

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it