Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Moggi jr, la Procura federale avrebbe chiesto spiegazioni

Alcune indiscrezioni parlano che sotto la lente di ingrandimento degli investigatori del procuratore Palazzi  sarebbero finiti i rapporti tra i dirigenti rossoblù e il figlio di “Big Luciano” inibito fino al 2011. La Figc avrebbe sentito Iannucci. Rischio deferimento per il general manager Luca Pagliuso?

palazzi

Il procuratore federale Stefano Palazzi

Mentre resta ancora tutta da capire la vicenda Mimmo Toscano, un altro fulmine avrebbe colpito il Cosenza calcio. Infatti parrebbe che la Procura Federale abbia chiesto chiarimenti sui rapporti che intercorrono tra i dirigenti del Cosenza calcio, in primis Luca Pagliuso, e Alessandro Moggi. Dal quotidiano Cosenza Sport di questa mattina si legge che “la Procura federale ha aperto un’indagine sui rapporti che intercorrono tra il procuratore (o operatore di mercato, come si dice adesso) Alessandro Moggi e il Cosenza Calcio 1914. Gli ispettori della Figc, in particolare, hanno convocato a Roma l’amministratore delegato del Cosenza Francesco Iannucci, al quale hanno chiesto una serie di spiegazioni sugli incontri che ci sono stati nello scorso mese di maggio (ma anche pochi giorni fa) in città tra il rampollo del “mammasantissima” del calcio italiano e il general manager Luca Pagliuso. Gli ispettori che lavorano per il procuratore Stefano Palazzi hanno drizzato le antenne leggendo gli ampi resoconti di alcuni giornalisti sulle frequentazioni del general manager del Cosenza nonché le dichiarazioni, candide e ingenue, del figlio, dell’ex patron nelle quali non solo ci si vanta dell’amicizia “scomoda” ma si parla senza nessun tipo di problema dell’apporto che Alessandro Moggi può dare alle operazioni di mercato del Cosenza calcio”. Cosenza sport fa riferimento soprattutto ad una frase virgolettata che avrebbe rilasciato alla stampa Luca Pagliuso. “Avere delle amicizie e non sfruttarle è sciocco. Abbiamo incontrato Moggi per parlare del più e del meno e ascoltare le sue proposte e per poter costruire una squadra che competa ai maggiori livelli. Speriamo che da grande uomo di calcio possa essere utile. Si è parlato anche di Danti. L’apporto di Moggi potrebbe essere decisivo per chiudere trattative importanti con giocatori esperti come ad esempio Alessandro Pellicori”. Il discorso del gm rossoblù non fa una piega e non ci sarebbe nulla di male se non fosse che Alessadro Moggi è squalificato dalla Figc fino al gennaio 2011 e che dunque non può trattare giocatori con le società affiliate. Il Cosenza calcio non rischia niente, a parte una grossa multa, è bene precisarlo, ma in caso di deferimento rischierebbero una squalifica pesante solo i dirigenti che sono venuti a contatto con Moggi Jr. Un po’ il discorso fatto sempre dalla procura federale nei confronti di Massimo Moratti che la scorsa estate trattò il passaggio di Motta e Milito con lo squalificato presidente del Genoa, Enrico Preziosi. Risultato? Inibizione di 3 mesi per il patròn dell’Inter e 45 mila euro di multa per la società nerazzurra.  (D.M.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it