Tutte 728×90
Tutte 728×90

Da oggi il Cosenza pensa al campionato

Da oggi il Cosenza pensa al campionato

La gara di Torino ha riacceso l’entusiasmo in seno alla tifoseria. Adesso tocca alla società rinforzare l’organico con tre o quattro pedine: il mercato dei Lupi.

14_-_mischia_in_area_di_rigore

Una fase del match di ieri a Torino

E’ bastata una prestazione convincente contro una formazione di categoria superiore per dare nuove speranze ai tifosi del Cosenza. Nonostante all’Olimpico di Torino ieri sera sia arrivata la prima sconfitta stagionale, il pubblico di fede rossoblù ha apprezzato e non poco la prova di carattere fornita da Fiore e soci. Del resto era quello che il San Vito chiedeva l’anno scorso: attaccamento alla maglia e impegno fino al 90′. Aver usato gli attirbuti per tenere testa ai granata è un buon segno e Stringara, già calato nella parte del condottiero, può sorridere. Tuttavia adesso la palla passa alla società che è chiamata a compiere qualche altro sacrficio economico. Individuata la base sulla quale puntare, servono alcune pedine per avere la certezza (qualora nel pallone esistesse) di poter lottare fino alla fine per il vertice della Prima Divisione. Preso il marocchino Oussama Essabr (21), si insegue con insistenza un’altra seconda punta. L’accordo con Fabio Mazzeo (27) c’è già, ma la punta vorrebbe aspettare ancora per capire se esiste l’oppurtunità di restare in B. Su Ignacio Josè Joelson (27) il discorso è differente: Foti lo accompagnerebbe oggi stesso a Cosenza, ma il brasiliano non è convinto di scendere di categoria. A centrocampo c’è Luca Vigiani (34). Sembrava destinato alla Carrarese, ma poi si è inserito il Cosenza: si può chiudere tra stasera e domani. Stringara con lui avrebbe la migliore linea mediana della Lega Pro. Sulla destra si aspetta il sì di Cristian De Luca Sosa (25), ma c’è da battere la concorrenza agguerrita del Crotone (che ha chiesto informazioni anche a Mazzeo). Se Alessandro Bernardi (24) partisse, lo farebbe per andare alla Reggina e a quel punto Antonio Rizzo (29) farebbe il percorso inverso. In difesa partiranno uno o due elementi e ne arriverà uno di spessore.  (cosenzachannel.it)

Related posts