Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Juve Stabia: le pagelle di Alessandro Renzetti

Ottima la prestazione di Giacomini che cala nella ripresa. Fiore super col rigore che regala i tre punti. Per Stringara buoni segnali alla prima uscita stagione.

giacomini

L’esterno sinistro Giacomini (fotomannarino)

Una gara maschia e che alla fine ha premiato un Cosenza deciso e più voglioso degli avversari. Approccio alla gara timido dei silani con Giacomini sugli scudi nel primo tempo ed opaco nella ripresa. Fa ben sperare la risposta data dagli uomini di Stringara dopo il pari ospite. Un Cosenza che ancora deve collaudare i meccanismi ma che ha dimostrato di avere un’anima e di essere pronto a lottare per cercare di guadagnarsi qualcosa di importante. Era fondamentale partire col piede giusto e così è stato. Un’iniezione di fiducia per le prossime due trasferte consecutive che attendono la squadra di Stringara. Da segnalare l’ottima prestazione del capitano Stefano Fiore.
PETROCCO: voto 6. Quando viene chiamato in causa si fa sempre trovare pronto. Un po’ sorpreso dal fendete di Raimondi che regala agli ospiti il momento pareggio. Non corre mai grossi pericoli.
MUSCA: voto 6. Fa il suo compito e si fa rispettare sul suo dirimpettaio. Non sempre pulito nei disimpegni.

DI BARI: voto 6,5. Ha il suo da fare contro Tarantino che gravita dalle sue parti. Ai punti, però, vince il rossoblù.
RAIMONDI: voto 5,5. Ottima gara di contenimento su Corona. Ingenua la seconda ammonizione che lo costringe a lasciare i suoi in inferiorità numerica.
DE ROSE: voto 6,5. Sempre presente in ogni azione dei silani. E’ un moto perpetuo. Si inserisce anche nelle azioni offensive. Ed è quest’ultima la nota davvero positiva della sua partita.
ROSELLI: voto 6. Gioca una gara maschia come gli compete. Nella ripresa cala e giustamente Stringara lo sostituisce con A. Fiore.
FIORE S.: voto 7. Sale in cattedra nel momento più difficile della gara e dimostra tutte le sue qualità. In inferiorità numerica aiuta la squadra a respirare mantenendo palla. Poi, quando la parità si ristabilisce, decide di metterci lo zampino regalando una vittoria meritatissima.
GIACOMINI: voto 6,5. Gioca un primo tempo da 7 pieno. Cala vistosamente nella ripresa. Da un suo cross tagliato ed insidioso nasce il vantaggio del Cosenza. In chiusura di gara gestisce malissimo un pallone in area avversaria.
UNGARO: voto 6. Fa il suo compito in maniera egregia anche se dimostra di non essere un cursore di fascia. Per ora va bene così.
BIANCOLINO: voto 6. Sgomita e deve fare orecchie da mercante per tutta la gara visto che i tifosi ospiti lo beccano ripetutamente. In attesa dei suoi gol il Cosenza si consola con Fiore.
MAZZEO: voto 5,5. Non è ancora in forma e si vede. Duetta poco e niente col compagno di reparto (vedi Biancolino). Spreca troppi palloni dialogando poco con la squadra.

ALL. STRINGARA: voto 6,5.
Il gioco ancora non è dei migliori. Eppure il suo Cosenza ha un’anima e si vede. Fa ben sperare la risposta dei suoi uomini dopo il pari ospite. Da quanto visto oggi questo Cosenza può fare buone cose.

 

Subentrati:
FANUCCI: voto 6. Entra col Cosenza in inferiorità numerica e dimostra di poter essere utile alla causa anche in futuro.
FIORE A.: voto 6,5. Gioca pochi minuti eppure fa una grande partita. Semina avversari quasi fossero birilli dimostrando grande forma atletica.
CECCARELLI: voto 5. A. Fiore gli serve un pallone sulla linea di porta ma lui riesce a ciccare il pallone beccandosi i fischi del pubblico. Poteva essere la svolta per l’attaccante ed invece è l’ennesima bocciatura dopo quelle della passata stagione.

JUVE STABIA

Fumagalli 5,5; Siragusa 5,5 (6’st Danucci 5,5), Pezzella 6, Davy 5, Maury 4,5, Fabbro 5,5, Gomes 5,5 (13’st Dianda 5,5), Cazzola 5,5, Corona 5,5, Tarantino 6, Albadoro 5 (9’st Raimondi 6,5). A disp.: Panico, Mezzavilla, Valtulina, Pitarresi. All. Braglia 5,5

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it