Tutte 728×90
Tutte 728×90

Daud si presenta: “Voglio infiammare il San Vito e far bene col Cosenza”

Daud si presenta: “Voglio infiammare il San Vito e far bene col Cosenza”

Il fantasista somalo è stato presentato questa mattina dal dg Castagnini. Il talento della Juventus ha le idee chiare: “Pur di giocare mi metterei anche in porta”.

daud_presentazione

Castagnini con Daud (fotomannarino)

Eccolo Ayub Daud (“chiamatemi Dado”), quinto acquisto dell’era Castagnini. Bassino, snello, sfrontato e con una dialettica diretta e concreta: un classico numero dieci insomma. “Domenica ero in tribuna – dice – ed ho visto una squadra affatticata dal caldo, ma che si è mossa molto bene. Ho colto una grande compattezza e la voglia di portare a casa un successo importantissimo. Non vedo l’ora di giocare anche io”. Al momento Stringara utilizza un 3-5-2, ma il talento della Juve precisa subito. “Questo atteggiamento non esalta le mie carattestiche, ma di certo pur di scendere  in campo finirei anche in porta. A volte parto dall’esterno, in altre occasioni invece gioco da trequartista puro: deciderà il mister, ad ogni modo, come utilizzarmi”. Tra le sue caratteristiche c’è quella del dribbling, ma il Cosenza lo sa già dato che a Lumezzane fece ammattire i difensori rossoblù. “Anche a Crotone iniziai bene, poi un infortunio al ginocchio suggerì a Lerda di seguire altre strade”. Battute finali dedicate al suo amico Essabr e alla Juventus. “Oussama è stato molto felice di ritrovarmi a Cosenza, insieme vogliamo dare il massimo per questa maglia. Personalmente ho fame di successi e, perché no, di far divertire il San Vito. Quandoe ero in  bianconero ricordo con molto piacere due tecnici: Maddaloni e Chiarenza. Il primo mi ha lanciato, il secondo era un sergente di ferro dal quale si apprende molto”. Anche lui si è espresso in un perfetto italiano (“accento cuneese, non torinese… fate attenzioine”).  (cosenzachannel.it)

Related posts