Tutte 728×90
Tutte 728×90

Stringara scaccia via le critiche: “E’ stata una vittoria strameritata”

Stringara scaccia via le critiche: “E’ stata una vittoria strameritata”

Il tecnico elogia la grinta della sua squadra: “Buon primo tempo, in nove poi era difficile ma siamo riusciti a strappare i tre punti. Stiamo migliorando, si vede”.

favarin_e_stringara_a_fine_gara

Favarin fa i complimenti a Stringara
a fine parita (gazzettalucchese.it)

E’ un Paolo Stringara visibilmente soddisfatto e contento di analizzare la vittoria ottenuta oggi dalla sua squadra. Il Cosenza ha meritato il successo portando a casa tre punti preziosi nella battaglia del Porta Elisa. Il tecnico si gode l’exploit. “Sono felice perché ho visto grinta e carattere. Abbiamo affrontato un ottimo primo tempo e se fosse terminato tre a zero in nostro favore nessuno avrebbe potuto dire nulla. Purtroppo non siamo riusciti a chiudere la gara e nella seconda frazione abbiamo subito il loro ritorno. Siamo entrati in campo un po’ sulle gambe ed in nove è diventata molto dura. Nel finale la squadra ha retto sugli attacchi ripetuti di una buona Lucchese e siamo riusciti con orgoglio a portare a casa l’intera posta in maniera più che meritata”. Con la vittoria in tasca è indubbiamente più facile parlare del problema degli espulsi. Stringara ha però voglia di invertire questo trend negativo. “Dobbiamo migliorare sotto il profilo caratteriale e parlerò in settimana con i giocatori perché non è possibile finire tutte le partite in inferiorità numerica. Oggi però voglio godermi la vittoria e la prestazione positiva della mia squadra perché contro una Lucchese che gioca un ottimo calcio siamo riusciti a conquistare un risultato davvero prezioso”. Ora bisogna pensare al Pisa. Castagnini ha chiesto tre punti e Stringara è fiducioso. “Spero di ritrovare tutti gli infortunati perché dovrò fare a meno di Degano e Matteini. Ho notato però che la condizione del gruppo sta migliorando. Essabr, Mazzeo e Daud stanno crescendo molto e possiamo pensare al prossimo impegno con la consapevolezza di poter davvero fare molto bene”. (c.c.)

Related posts