Cosenza Calcio

Cosenza-Benevento: le pagelle di Alessandro Renzetti

Una squadra senza mordente e poco incisiva. Biancolino lontano dalla condizione migliore. Coletti un pesce fuor d’acqua. Il Benevento col minimo sforzo porta a casa i tre punti. Da dimenticare l’esordio di Somma in panchina.

desolazione_a_fine_gara

Mazzeo non ha inciso affatto come sarebbe lecito attendersi (foto rosito)

Una partita da dimenticare. Una squadra fuori forma in tutti i suoi effettivi. Il Benevento ringrazia e in diretta tv fa un figurone al cospetto di una squadra che delude oltremisura. Somma, alla sua prima panchina rossoblù, avrà molto da lavorare per riprendere una squadra che, domenica dopo domenica, riesce inspiegabilmente a fare passi indietro anziché migliorare. Ad iniziare dallo stato di forma. Atleticamente il Cosenza dimostra di essere indietro, molto indietro, da una condizione accettabile. Molti dei suoi uomini sono statici e non riescono a dare quel quid necessario per cercare di invertire la rotta.
PETROCCO: voto 5,5. E’ insicuro in troppe circostanze ed è inusuale per lui. Perde tempo prezioso nelle rimesse e si mostra titubante in alcune uscite.
MUSCA: voto 5. Non è un terzino e si vede. A volte sbaglia facili appoggi e in altre circostanze non sa quando è il caso di spingere e costringere il suo dirimpettaio sulla difensiva. Disorientato.
GIACOMINI: voto 5. Non è il giocatore di inizio stagione. Un passo indietro per lui che ha ampi margini di miglioramento. Quando spinge sembra poter far male. Peccato che lo faccia raramente.
DE ROSE: voto 5. Non può e non deve essere lui il regista della squadra. Fiore gli manca e non poco. Tanto cuore stavolta non basta. Fatica maledettamente a trovarsi in sintonia con Coletti. Da suo fallo nasce il gol del Benevento. La cosa clamorosa è che lasci scoperta la palla per consentire agli ospiti di cogliere di sorpresa tutta la difesa rossoblù.
RAIMONDI: voto 4,5. Sbaglia clamorosamente sul primo ospite perdendo il pallone e dando il là alla gioia di D’Anna. Sul secondo gol si lascia scappare Landaida che lo infila come un pivellino. Giornata da dimenticare.
DI BARI: voto 4,5. L’espulsione è emblema di una gara da mettere nel dimenticatoio. Non riesce a trovare le misure al suo dirimpettaio e soltanto nel gioco aereo, a volte, riesce ad avere la meglio.
DEGANO: voto 5. Non riesce mai a altare l’uomo. Fa sempre un tocco in più e ritardi lo scarico della palla. Rispetto alle scorse settimana una gara sotto tono.
COLETTI: voto 4. Lento e prevedibile. Il pubblico lo fischia. Sbaglia tutti i passaggi possibili e dimostra come, in questo momento, debba soltanto lavorare per cercare di ritrovare una condizione accettabile.
BIANCOLINO: voto 4,5. Statico e poco servito. Quando ha la palla del vantaggio la preca clamorosamente calciando nelle mani di Aldegani. Un vero “pitone” non perdona.
MAZZEO: voto 5. Corsa blanda e ritmi da amichevole. Un atteggiamento inspiegabile per un giocatore che sta ricevendo tante e troppe critiche. Invece di rifarsi consente ai critici di continuare a bersagliarlo senza poter minimamente controbattere.
MATTEINI: voto 4,5. Qualche sprint iniziale e poi il vuoto. Pensa bene di rifilare una gomitata all’avversario dinanzi agli occhi del direttore di gara. Graziato col giallo non ne approfitta e finisce nel dimenticatoio.

ALL. SOMMA: voto 5.
La sua prima è da dimenticare. I suoi uomini sprecano l’inverosimile dinanzi ad Aldegani. Ci sarà molto da lavorare e soprattutto a farne le spese dovrà essere qualche senatore decisamente fuori condizione.

Subentrati
:
DAUD: voto 4. Un giovane della ua età dovrebbe avere quella voglia necessaria per incidere in un campionato come la prima divisione. Soprattutto se sei un ex Juventus e se le tue credenziali sembrano decisamente oltre la media. I isola e fa di tutto per evitare di entrare in partita.
ESSABR: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.
OLIVIERI: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina