Tutte 728×90
Tutte 728×90

Isocasa, questa è la strada giusta

Seconda vittoria esterna consecutiva per Cosenza, che nell’anticipo della quarta  giornata del campionato di serie C dilettanti, passa a Napoli con il punteggio di 59 a 63.

coach_carbone_isocasaL’inizio della gara è un po’ lento, il punteggio fatica a muoversi e entrambe le formazioni stringono in difesa. Da una parte si schierano Bugno, Davini, Orefice, Cervo e Maglione; dall’altra invece Ginefra, Pate, Alesse, Bosco e Guzzo. I primi punti del match arrivano da capitan Pate per gli ospiti e da Davini per i padroni di casa; subito dopo ci pensa Alesse con un tiro dalla lunga distanza e poi è di nuovo centro per  Pate che porta  il punteggio sul 6 a 10 al quinto minuto. Dopo un timeout chiamato da coach Licursi è Bosco a trovare il fondo della retina più di una volta,  e perciò lo stesso coach è costretto a cambiare l’assetto della squadra, rivoluzionando progressivamente il quintetto. Il primo parziale termina con l’Isocasa avanti di 8 punti, e al rientro Notaro e Astuto provano ad accorciare le distanze portandosi a meno 4. Al 15° di gioco, di nuovo minuto di sospensione, questa volta chiamato da coach Carbone; al rientro dal timeout prima 4 tiri consecutivi dalla lunetta e poi una bomba di Ginefra portano il punteggio a 23 – 32. A pochi minuti dal termine del secondo quarto due palle recuperate di Mele (con una stoppata su Giannotta) si tramutano in altrettanti rapidi contropiedi con canestro di Orefice  che portano il punteggio 29 – 35 al 19°. L’1/2 dalla lunetta di Davini vale il 30-35, punteggio di chiusura del secondo quarto. Al rientro dall’intervallo lungo, il Julie News Pontano è molto pressante in difesa e concede conclusioni difficili agli avversari;  Astuto, Cervo e Serazzi infilano i canestri che portano alla parità a quota 37 al 23°.  Subito dopo però Ginefra mette dentro  un’altra bomba, e poi Bosco e Toselli, piazzano il controbreak del +10 rossoblù (37-47 al 25°). Pochi canestri poi fino alla conclusione del terzo parziale che si chiude sul punteggio di 42 – 50. L’ultima frazione di gioco è contrassegnata soprattutto dalle azioni fallose che costringono cinque giocatori ad abbandonare il campo per 5 falli; tre i giocatori del Napoli, Notaro, Mele e Cervo e due quelli del Cosenza, Alesse e Guzzo. La gara è comunque molto intensa, nessuna delle due formazioni intende mollare la presa. I calabresi puntano sull’esperienza dei propri giocatori di punta, e la tranquillità del vantaggio. I partenopei sulla determinazione, tanto che riescono a recuperare lentamente fino al  55-58 alla fine del 39°. Sul filo della sirena dei 24″ Bosco piazza la tripla del 55-61, ma gli risponde poco dopo Orefice, facendo commettere il quinto fallo a Guzzo e aggiudicandosi 2 punti più tiro libero supplementare ( 58 – 61). Nella penultima azione gli arbitri chiamano un fallo in attacco a Mele, e Ginefra ai liberi fa 2/2 (58-63) .L’ultimo canestro è dei biancocelesti con Astuto che dalla lunetta fa 1/2. Al suono finale della sirena il punteggio è di 59 – 63: finisce bene per i ragazzi di coach Carbone, che tornano dalla trasferta campana con altri due punti importantissimi, che portano la squadra cosentina a quota 4 in classifica. Dunque l’Isocasa c’è, la voglia di fare bene pure, e alla fine (scongiuri a parte!),  pare che la ruota stia iniziando a girare nel verso giusto.  (Gabriella Ruffolo)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it