Cosenza Calcio

Frammenti di un derby pazzo: vittoria sì, ma contro di chi?

Il Cosenza ha giocato male contro un Catanzaro che agonizza all’ultimo posto della classifica di Seconda divisione. Gioia per il successo, ma tanti punti interrogativi.

festa_derby

La legittima esultanza della curva

Partiamo dalla fine. Il rigore calciato da De Luca è stato liberatorio e se c’è qualcuno che non ha gioito, peggio per lui. Vincere un derby (e farlo dopo 25 anni per giunta) è sempre gratificante, anche quando sperare in una goleada sarebbe stato più che lecito. Chiarito questo aspetto, fondamentale, l’analisi della gara contro il Catanzaro parla ancora una volta di una squadra non sufficiente. A differenza delle partite disputate sinora, pure Somma dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza e spiegare alcune scelte. Fare esperimenti in un match così atteso è apparso un po’ azzardato. Poi perché insistere sui singoli? Passi per Essabr che domenica non ci sarà, ma Daud? Il colored dei Lupi non stava giocando bene, eppure si è preferito lasciarlo in campo nonostante tutto. Degano ha fatto vedere qualcosa di interessante nelle vesti di regista, ma non è Stefano Fiore. Inoltre, se il capitano tornerà con il Lanciano come sembra, ad un certo punto l’ex calciatore del Crotone sarebbe potuto tornare nel suo ruolo naturale. Poi c’è il solito discorso della determinazione. Il Catanzaro, ultimo in classifica in serie C2 e pieno fino al collo di problemi societari ed economici, ha giocato il derby come questa sfida solitamente richiede. Aggressività sui portatori di palla, tanta corsa, sacrificio e compattezza. Ripetiamo, stiamo parlando del fanalino di coda della Seconda divisione girone C, mica del Torino. Il Cosenza invece no. Ha digrignato i denti soltanto dopo aver realizzato cosa sarebbe accaduto se fosse arrivato un clamoroso ko. Solo allora è uscita fuori la grinta giusta. Chiusa la parentesi del derby, da domani sarà di nuovo campionato. La squadra tornerà ad allenarsi in mattinata e poi partirà alla volta della Sicilia. L’impegno di Gela va affrontato con un piglio differente, ma purtroppo sarà caratterizzato ancora da una lunga serie di infortuni e squalifiche. Su questo Somma è davvero sfortunato e fare di necessità virtù ogni domenica è cosa ardua. Rispetto ai diciotto convocati di ieri sera, non ci sarà Essabr. Anche Fanucci, che accusa qualche fastidio fisico, potrebbe restare in città lasciando ipotizzare non solo una convocazione di un ragazzo della Berretti, ma anche di una conferma di Matteini come laterale basso.  (cosenzachannel.it)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina