Tutte 728×90
Tutte 728×90

Isocasa, match duro con l’Audax Reggio Calabria

Isocasa, match duro con l’Audax Reggio Calabria

Cosenza ritorna tra le mura amiche del PalaFerraro dopo due giornate consecutive in trasferta.


coach_carbone_isocasaI cosentini se la vedranno con l’Audax Reggio Calabria, nell’unico derby calabrese della giornata. I ragazzi di coach Carbone sono pronti a scendere in campo e soprattutto vogliono far dimenticare a tutto il pubblico cosentino  il brutto esordio casalingo contro Acireale, ripetendo le imprese di Messina e Napoli. La squadra rossoblu sta facendo bene:  le ultime due partite hanno visto l’Isocasa uscire vittoriosa da due campi tutt’altro che facili, ed ora di fronte ai propri sostenitori, capitan Pate e compagni affronteranno il match con tanta determinazione e tanta voglia di vincere. Gli avversari di turno potrebbero essere considerati avversari facili: l’Audax Reggio Calabria è infatti l’unica squadra che finora non ha mai vinto, ed occupa infatti l’ultimo posto della classifica con zero punti. Coach Furfari ha comunque a disposizione degli ottimi elementi nel roster: oltre al playmaker Vincenzo Meduri, già noto ai cosentini per le precedenti  stagioni giocate a Reggio, ci sono Stefano Spadini, top scorer nella partita contro Soverato con ben 26 punti, il pivot Giuseppe Amaddeo, Alessandro Pellicanò e Lorenzo Chessari, entrambi reduci da una buona prestazione nella precedente giornata. Coach Carbone schiera la stessa formazione di sabato scorso: Ginefra a dirigere il gioco,  poi i soliti Alesse, Pate e Bosco al tiro, e Toselli sotto canestro. La panchina ben assortita permetterà la rotazione di tutti i giocatori, non una novità per Guzzo e Giannotta, e visto che negli avversari risaltano molti giovani, chissà che non sia una buona occasione per vedere in azione i giovani under Spadafora, Carbone e Coscarella.Tutti al PalaFerraro di via Popilia, dunque, per la palla a due, domani pomeriggio alle ore 18:00; arbitreranno il match Alessandro D’Elia e Giovanni Petraroli di Lecce. (Gabriella Ruffolo)

Related posts