Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Lanciano: le pagelle

Cosenza-Lanciano: le pagelle

Gara sottotono, soprattutto da parte degli esterni. Ancora una volta, dinanzi al pubblico amico, il Cosenza mostra carenza sotto il profilo del gioco. Degano e Mazzeo assenti ingiustificati.

daud_col_lanciano_lotta

Daud, suo l’assist per Biancolino

Un’altra prestazione casalinga poco esaltante del Cosenza. Questa volta, però, l’amarezza è tanta perché vincendo la squadra di Somma avrebbe agganciato il Gela al quarto posto della classifica. Ma forse è giusto così per quello che la squadra rossoblù ha mostrato nel match odierno contro il Lanciano. Il gol a freddo di Turchi stordisce i silani che, per riprendersi, hanno dovuto attendere la ripresa. Nella prima frazione neppure l’ombra di un’occasione da rete. Nella ripresa, anche grazie all’espulsione di Di Cecco, i rossoblu avanzano il baricentro trovando il gol con un Biancolino capace di trasformare in oro l’unico pallone giocabile della gara. Da segnalare l’opaca prestazione degli esterni, soprattutto di Degano, oltre che la poca verve di Mazzeo. Così come in evidente difficoltà sono sembrati i due mediani De Rose e Coletti.
PETROCCO: voto 6. Sul primo gol non si allunga molto ma la traiettoria del pallone è beffarda. Sempre pronto sulle altre conclusioni degli avanti avversari seppur poco insidiose.
MATTEINI: voto 6. Fa il suo compito in maniera adeguata anche se potrebbe spingere di più soprattutto quando il Lanciano resta in dieci.
DI BARI: voto 5. Commette un errore grossolano ad inizio gara lasciando la zona di sua competenza scoperta e permettendo a Turchi di portare in vantaggio il Lanciano.
DE ROSE: voto 5,5. E’ costretto ad impostare e soffre maledettamente. Costruire gioco non fa parte del suo repertorio. Quando ruba palloni ritorna il De Rose che conosciamo.
RAIMONDI: voto 6. Gioca la solita gara gagliarda. Non è al top e si vede. Eppure non concede metri al suo dirimpettaio.
FANUCCI: voto 6,5. Il Cosenza deve ringraziare lui se non capitola. Si immola su una conclusione a colpo sicuro di Colussi. La sua deviazione evita lo 0-2 degli ospiti. A differenza di altre prestazioni opache questa volta è attento e soprattutto decisivo.
DEGANO: voto 4. Assente ingiustificato. Si nasconde ed evita di partecipare alla manovra della squadra. La sua è la peggiore gara della stagione.
COLETTI: voto 6. Gioca prettamente in interdizione lasciando la cabina di regia a De Rose. Rispetto alle scorse settimane si limita a giocare in maniera semplice ed il risultato è sicuramente soddisfacente.
MAZZEO: voto 4,5. Appare e, soprattutto, scompare. Non riesce ad incidere sull’incontro e quando il Lanciano gli lascia spazio lui non riesce mai a cercare una soluzione degna di nota.
DAUD: voto 5,5. Ha il merito di servire a Biancolino la palla del pari. Per il resto non riesce ad esprimersi sugli stessi livelli di Gela. La sua discontinuità, purtroppo, sta diventando una costante.
BIANCOLINO: voto 6. Non gli arrivano molti palloni e soffre maledettamente quando è costretto a correre a vuoto. Ha il merito di trovare un pari che sembrava insperato per come si era incanalata la partita.

ALL. SOMMA: voto 5.
Il Cosenza non riesce ad esprimere un gioco. Soprattutto tra le mura amiche dimostra di andare in evidente difficoltà. Il 4-2-3-1 non da i frutti sperati e la speranza è che il tecnico possa trovare le giuste contromisure per far si che questa squadra, con questi giocatori, possa esprimersi al meglio. Giocare con un centrocampo scarno, con De Rose e Coletti, facilita il compito degli avversari. Il Lanciano è l’ennesima formazione che fa un figurone al San Vito.

Subentrati
FIORE: voto 5,5. Non è in condizione e si nota. L’importante è averlo rivisto in campo.
GAGLIARDI: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.
ROSELLI: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.

Avversari
LANCIANO: Chiodini 6; Colombaretti 6, Ferraro 5,5 (42′ Romito sv), Antonioli 6, Mammarella 6; Di Cecco 5, Amenta 6 (58′ Volpe 5,5); Improta U. 6, Turchi 6,5, Sacilotto 5,5, Colussi 5 (73′ Di Gennaro sv). A disp.: Aridità, Romito, Tamasi, Volpe, Improta R., Vastola, Di Gennaro. All.: Camplone 6

Related posts