Tutte 728×90
Tutte 728×90

Coach Carbone lancia l’Isocasa: “Momento positivo, il lavoro paga”

Coach Carbone lancia l’Isocasa: “Momento positivo, il lavoro paga”

Cosenza ha vinto quattro gare consecutive e mira a calare il pokerissimo. Contro la neopromossa Recalmuto domenica il trainer invoca la massima attenzione.

coach_carbone_isocasaq

Carbone, il coach dell’Isocasa

Un’altra giornata di allenamento per i ragazzi dell’Isocasa è andata. E mentre i giocatori si dirigono negli spogliatoi, a parlare è il coach Pierpaolo Carbone, che a pochi giorni dalla settima giornata di campionato, parla di quanto di buono sia stato fatto finora, e di quanto c’è ancora da fare.
Ottimo momento per la squadra, coach! Possiamo dire che le cose stanno andando davvero bene: come stanno vivendo questo momento i ragazzi?
Sicuramente un momento positivo, anche perché abbiamo fatto quattro partite fuori casa e soltanto due in casa, quindi il bilancio di quattro vittorie, di cui tre in trasferta è  sicuramente buono. Certamente dobbiamo cercare, come dicevo prima in allenamento ai ragazzi, di tenere alta la concentrazione,non solo per il fatto che giochiamo in casa, ma anche per dare una continuità ai risultati, e anche una continuità di gioco. Continuità di gioco perché purtroppo in alcuni momenti si verifica un calo del potenziale della squadra, l’attenzione non rimane costante per tutti i quaranta minuti, e anche se questa è una cosa che va migliorando partita dopo partita, bisogna darsi da fare sotto questo punto di vista, anche se le insidie, purtroppo, ci sono sempre.
Per insidie si intende anche l’avversario di domenica, la matricola neopromossa Racalmuto, che arriverà sicuramente con una gran voglia di vincere.
Si, combinazione giochiamo contro una squadra reduce da una sconfitta in casa, che aveva sicuramente sottovalutato l’avversario, ha preso sotto gamba la partita, e ne è uscita sconfitta. E questa è una cosa che non vorrei succedesse anche a noi: di certo bisogna continuare a giocare con determinazione e decisione, come abbiamo fatto finora, per ottenere dei buoni risultati. L’avversario di domenica, come dicevo, è un avversario ostico, è una squadra ben assortita, ha un buon mix di giocatori. Ci sono l’argentino Humberto Manzo e il pivot Andrea Sanicola, che nonostante i 35 e i 42 anni rispettivamente, sono degli ottimi elementi;  e poi un mix infinito di giovani, Paride Giusti che ha giocato nella nazionale under 20 due anni fa, e Francesco Pellegrino che, diciannovenne vanta  2.10 m di altezza. Quindi una buona squadra, che arriverà sicuramente con il dente avvelenato a seguito della sconfitta subita in casa. E comunque, come dico sempre, dipende da noi, da quello che noi riusciamo a concedere all’avversario, e anche oggi in allenamento, ci siamo concentrati sulle soluzioni tattiche sul campo, per cercare di evitare di essere sopraffatti.
Guardando la classifica, invece, come sembrano le altre squadre?
Beh diciamo che siamo ancora all’inizio, ora si sta iniziando a delineare la situazione, ma ci vorranno altre 3 o 4 partite per capire meglio l’andamento del campionato. Comunque sicuramente Acireale è una buona squadra, insieme a Canicattì e alla NuovaPallacanestro Salerno, che non a caso infatti occupano la parte alta della classifica. E poi anche le due neopromosse Soverato e Racalmuto appunto, sono squadre che hanno fatto bene finora e possono dare filo da torcere.
Torniamo alla sua squadra coach: è una squadra ben assortita, c’è un buon feeling, si è creato un buon gruppo?
E’ un ottimo gruppo, i ragazzi si stanno impegnando tutti dall’inizio del campionato; certo, dipende dalle partite, ci sono partite in cui spicca la prestazione di uno piuttosto che di un altro, ma nel complesso credo che il gruppo c’è, e sta lavorando molto bene. Purtroppo però c’è sempre da considerare l’assenza di Dragojevic in campo, che finora ha giocato pochissimo. Speriamo che si possa riprendere presto da questo infortunio, anche perché ora come ora stiamo giocando senza un pivot di ruolo, visto che Toselli ancora non è proprio al top, e con Bosco e Pate che comunque non sono giocatori interni, sono abituati più ad un ruolo da esterni, però combinazione ci siamo trovati in questa situazione, e nonostante tutto pare che la soluzione sia stata trovata, e siamo riusciti a creare un buon equilibrio.
Speriamo quindi che la squadra possa fare sempre meglio, a cominciare da domenica al palazzetto davanti al pubblico cosentino.
Si, soprattutto domenica davanti il pubblico cosentino! Anche perché il nostro obiettivo, oltre che ovviamente fare del nostro meglio in campionato, è anche quello di portare più entusiasmo nell’ambito della tifoseria rossoblu. Alla fine, se ben supportati da un buon pubblico, come è quello cosentino, anche i ragazzi ne risentiranno in modo positivo e sicuramente i risultati non tarderanno ad arrivare.
In bocca al lupo allora, e grazie per la disponibilità coach!
Crepi! Alla prossima!     (Gabriella Ruffolo)

Related posts