Tutte 728×90
Tutte 728×90

C5, Citrarum e Città di Paola fanno il vuoto nei rispettivi campionati

C5, Citrarum e Città di Paola fanno il vuoto nei rispettivi campionati

I gialloneri conquistano solitari la vetta in serie C1 liquidando nel big-match di giornata il Mirto. In C2 i biancazzurri volano addirittura a +10 sulla seconda.

cittdipaolagoooolDopo nove giornate giocate il campionato ha finalmente un padrone, si chiama Citrarum. La squadra di Stancati ha chiuso la pratica già nella prima frazione, quando ha rifilato ben sei reti agli ionici, apparsi troppo contratti e timorosi, a differenza dei padroni di casa che hanno invece dimostrato tanto carattere e personalità. A segno sono andati Ferraro, che ha vinto il duello con Benenati, Nardi, Metallo, ancora Ferraro, Bruno e Pellegrini. Un pesante 6-0 che non ammette repliche e che conferma la straordinaria forza dei gialloneri. Nella ripresa il Mirto ha un impennata d’orgoglio che la porta a realizzare tra reti con Benenati, Arcidiacone ed il rientrante Falcone e a sfiorare in almeno due occasione la quarta rete. Il Citrarum però dopo lo sfogo dell’ex capolista, colpisce ancora con Bruno che chiude di fatto il match. La terza forza del torneo è l’Oratorio San Francesco, che oggi però avrebbe potuto approfittare del turno favorevole per rimanere sul posto d’onore insieme a Futsal Melito e Mirto. L’Amantea a dire il vero ha disputato una buona partita tenendo per lunghi tratti il pallino del gioco in mano. A passare sono proprio i tirrenici con Motolese. Mazza dopo qualche minuto trova il pari. Furano realizza uno straordinario gol con un colpo sotto che porta avanti i suoi. Pronta la risposta dei silani con Alessio, che chiude la prima frazione sul 2-2. Nella ripresa gli ospiti osano e trovano la rete del vantaggio con   Mannarino, con uno splendido tiro da fuori. Il meritato pari arriva al 22′ ad opera di Pellegrino. Un volenteroso e ritrovato 3 Store Locri trova meritatamente la vittoria al terzo e ultimo minuto di recupero grazie ad una perla di Gimondo che con la sua rete decreta il 5-4 per locresi, contro un Città di Rende positivo nel primo tempo, che ha chiuso in vantaggio e sprecone nel secondo, a causa anche di un vistoso calo fisico. Si parte subito forte con le due squadre che impongono un ritmo forsennato con un primo quarto d’ora di gioco spettacolare con gol e capovolgimenti di fronte da entrambe le parti. Ospiti in vantaggio al secondo con Barbuto e raddoppio immediato di Salerno che conclude in rete da pochi passi un triangolo tutto di prima firmato Barbuto-Laino-Salerno. Ma il 3 Store Locri oggi è veramente in palla e trova subito la reazione con Errigo per 1-2 al 9′. Il Città di Rende controllo e riparte con Salerno per 1-3. Non passano nemmeno 60 secondi che i locali si rimettono in partita con Franco che segna il 2-3 a metà tempo. Gol non gol del 3 Store Locri nel finale di tempo, per i locali la palla è entrata per il signor Petrone no, molte proteste ma nulla di fatto. Nella ripresa entra in scena il Pasquale Franco show. Il pivot locrese vera spina nel fianco della retroguardia del Città di Rende lotta e conquista numerosi falli tanto che la squadra amaranto arriverà al bonus già intorno al quindicesimo. Al quinto Franco con un’azione personale si sbarazza in dribbling stretto di 2 uomini e trafigge l’estremo difensore ospite. Il pareggio galvanizza i ragazzi di casa che cercano con insistenza di passare in vantaggio ma prima un legno di Gnisci e poi delle prodezze di Fasanella negano il vantaggio agli amaranto che addirittura subiscono il 3 – 4 da Barbuto al 21′. Il 3 Store non molla e con Franco su tiro libero trova il pari. Nel finale con le squadre stanche la partita sembra volgere sul binario della parità quando Gimondo al terzo minuto di recupero con un tiro di esterno da fuori area trova l’angolino basso battendo a rete l’incolpevole Fasanella. In serie C2 i marziani spiccano il volo. Neanche la Catanzarese riesce a fermare la squadra di un altro pianeta chiamato Città di Paola i quali, a questo punto, chiudono con netto anticipo il discorso primato lasciando che, le formazioni terrestri, lottino per le posizioni d’onore. Vince il Cosentia, ko come al solito il Città di Cosenza.

Related posts