Tutte 728×90
Tutte 728×90

Arrestate 49 persone a Cosenza. Tra queste figura Bonaventura Lamacchia

Un maxi blitz all’alba di polizia e carabinieri ha interessato anche l’ex presidente del Cosenza calcio che non nascondeva l’ambizione di ritornare a ricoprire quella carica.

lamacchia_bonaventuraNuova vasta operazione contro la ‘ndrangheta in Calabria: 49 arresti nei confronti di presunti affiliati alla cosca Bruni. Tra gli arrestati anche l’ex parlamentare dell’Udeur Bonaventura La Macchia. E anche il capocosca, Michele Bruni, che proprio ieri era stato scarcerato. La cosca Bruni, secondo quanto è emerso dalle indagini, si sarebbe infiltrata in numerose attività imprenditoriali, gestendo, tra l’altro, i servizi di onoranze funebri ed una discoteca nel centro di Cosenza. Avrebbe anche un ruolo attivo nel traffico di stupefacenti, nelle estorsioni e nelle rapine contro i furgoni portavalori eseguite con la complicità di mafiosi pugliesi.
Bonaventura La Macchia era stato eletto deputato nel 1996 con la Lista Dini e nel 1999 aveva aderito all’Udeur. Era già stato arrestato negli anni ’90 per reati finanziari. Particolare curioso l’arresto del capo della cosca, Michele Bruni, che era stato scarcerato appena ieri ed era stato posto agli arresti domiciliari. Insieme a lui, secondo quanto riferito dagli investigatori, sono stati arrestati la compagna e tre fratelli, due dei quali, comunque, erano già detenuti.
Tra gli arrestati figurano anche due carabinieri, accusati di concorso esterno in associazione mafiosa. Uno dei due militari era in servizio nella Compagnia di Rende (Cosenza), mentre l’altro era già stato sospeso. Nel frattempo l’incontro di ieri, prettamente di natura calcistica tra La Macchia e Carnevale era stato interlocutorio. Adesso resta da capire se gli imprendotori romani siano disposti ugualmente a continuare la trattativa. (fonte: repubblica.it)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it